Quali sono i possibili effetti negativi, anche per pazienti e operatori? Come affrontarli e superarli?

La diminuzione della pressione parziale dell’ossigeno, le variazioni della pressione barometrica, le variazioni di temperatura, le vibrazioni e il rumore sono solo alcuni dei fattori di stress del volo in aereo. L’effetto è più evidente negli aerei ad ala rotante che in quelli ad ala fissa. Certo, le turbolenze si sentono quando si sale sopra una cresta o si attraversa un corso d’acqua. Tuttavia esistono fattori di stress a cui non diamo molta importanza e che, sommati, possono produrre un impatto significativo non solo sul corpo, ma anche sulle capacità cognitive e sul pensiero critico.

Ecco quali sono i principali fattori di stresse legati al volo:– I cambiamenti termici si verificano costantemente nella medicina di volo. Le temperature di congelamento e il calore significativo possono affaticare il corpo e aumentare la richiesta di ossigeno. Per ogni aumento di 100 metri di altitudine, la temperatura diminuisce di 1 grado Celsius.– Le vibrazioni sottopongono il corpo a ulteriori sollecitazioni, che possono causare un aumento della temperatura corporea e affaticamento.– L’umidità diminuisce man mano che ci si allontana dalla superficie terrestre. Più alta è l’altitudine, minore è l’umidità dell’aria che, nel tempo, può causare screpolature delle mucose, labbra screpolate e disidratazione. Questo fattore di stress può essere aggravato nei pazienti sottoposti a ossigenoterapia o a ventilazione a pressione positiva.– Il rumore prodotto dal velivolo, dalle apparecchiature e dal paziente può essere significativo. Il livello medio di rumore di un elicottero è di circa 105 decibel, ma può essere più alto a seconda del tipo di velivolo. Livelli sonori superiori a 140 decibel possono causare una perdita immediata dell’udito. Anche livelli di rumore prolungati, superiori a 120 decibel, possono portare alla perdita dell’udito.– L’affaticamento peggiora a causa della mancanza di sonno ristoratore, delle vibrazioni dell’aereo, della cattiva alimentazione e dei voli lunghi: 1 ora o più in un aereo ad ala rotante o 3 o più ore in un aereo ad ala fissa.– Le forze gravitazionali, sia negative che positive, causano stress al corpo. Questo stress è solo un fastidio minore per la maggior parte delle persone. Tuttavia, le condizioni acute peggiorano nei pazienti critici con funzione cardiaca ridotta e aumento della pressione intracranica a causa degli effetti gravitazionali del decollo e dell’atterraggio e dei cambiamenti improvvisi nel volo, come la perdita di quota dovuta a turbolenze o a virate improvvise.– Vertigine da sfarfallamento. La Flight Safety Foundation definisce la vertigine da sfarfallamento come “uno squilibrio nell’attività delle cellule cerebrali causato dall’esposizione a una luce relativamente intensa a bassa frequenza, tremolante o lampeggiante”. Questo fenomeno è più comunemente causato dalla luce del sole e dalla rotazione delle pale del rotore di un elicottero e può colpire tutti i passeggeri dell’aereo. I sintomi possono variare da convulsioni a nausea e mal di testa. Le persone che hanno una storia di crisi epilettiche devono essere particolarmente attente se lavorano con l’ala a rotore.– I vapori di carburante possono causare nausea, vertigini e mal di testa in caso di esposizione significativa. Durante il rifornimento di carburante, prestare attenzione alla propria posizione sulla pista o sull’eliporto.– Le condizioni meteorologiche causano principalmente problemi di pianificazione del volo, ma possono anche causare problemi di salute. La pioggia, la neve e i fulmini possono causare pericoli mentre si è sul posto o si sta preparando un volo. Anche le temperature estreme e l’annegamento degli indumenti possono contribuire allo stress.– L’ansia della chiamata, la durata del volo mentre si assiste un paziente malato e persino il volo stesso possono causare uno stress eccessivo.– Il volo notturno è più pericoloso a causa della visibilità limitata anche con l’ausilio di occhiali per la visione notturna (NVG). Ciò richiede una costante consapevolezza della situazione, che può aumentare l’affaticamento e lo stress, soprattutto su terreni non familiari.

Il mnemonico IM SAFE è comunemente usato per ricordare gli effetti negativi del volo su pazienti e operatori:Illness – La malattia ha a che fare con il proprio benessere. Arrivare al lavoro ammalati aggiunge stress al turno in volo e compromette la qualità dell’assistenza fornita e la sicurezza dell’équipe. Un medico deve autorizzarvi a tornare a volare.Medication – I farmaci possono causare effetti collaterali indesiderati. Conoscere l’interazione dei farmaci prescritti con le situazioni di volo è essenziale e può fare una differenza significativa nel combattere i fattori di stress in volo.Stressful – Eventi di vita stressanti, come una recente rottura di una relazione o un familiare in ospedale, possono aumentare direttamente lo stress sul lavoro. Prendersi cura di se stessi è essenziale prima di occuparsi degli altri in una carriera così stressante. Se la vostra testa non è al posto giusto, il posto giusto per voi non è l’aria.Alcohol: L’alcol può essere un rifugio per alcuni quando si trovano ad affrontare lo stress sul lavoro. È una soluzione temporanea per un problema a lungo termine. Gli effetti post-intossicazione dell’alcol possono comunque ridurre le prestazioni e causare problemi di sicurezza anche se non si è clinicamente intossicati. Inoltre, influisce sulla capacità dell’organismo di combattere infezioni e malattie.Fatigue – L’affaticamento è dovuto ai turni di lavoro ripetuti e all’esposizione ai suddetti fattori di stress legati al volo. Conoscete i vostri limiti e non pretendete mai più di quanto sapete di poter gestire.Emotion – Le emozioni sono qualcosa che ognuno gestisce in modo diverso. Tutti abbiamo emozioni e le esprimiamo in modo diverso a seconda delle circostanze. Sapere come reagire emotivamente può aggravare una situazione già stressante o mettere a proprio agio, dalla rabbia al dolore. Tenere sotto controllo le proprie emozioni durante un volo non è solo importante, ma anche scontato. Siete dei professionisti e dovete comportarvi in questo modo, mettendo il vostro equipaggio e il vostro paziente al di sopra dei vostri sentimenti.

A differenza di un’ambulanza di terra, la tipica unità di servizio medico di emergenza in elicottero ha poco spazio una volta che tutti i membri dell’equipaggio sono a bordo e il paziente è stato caricato correttamente. Ciò può di per sé generare ansia in una situazione già di per sé stressante. È quindi importante comprendere i limiti spaziali del velivolo. La maggior parte dei servizi è in grado di trasportare alcune delle attrezzature più avanzate disponibili in ambito preospedaliero, come macchine di laboratorio per la cura del paziente, un ventilatore da trasporto e ultrasuoni. Alcuni possono persino trasportare pazienti con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO). Questi strumenti sono importantissimi, ma il loro utilizzo e monitoraggio può aggiungere stress all’intera equazione.

Redazione Nurse Times

Fonte: Emergency Live

Lean Thinking e l’efficientamento dei processi in ambito sanitario: Ostetricia e Ginecologia del P.O. di una A.S.L. pugliese
Gestione integrata del paziente stomizzato tra reparto di degenza e centro stomie: creazione di un opuscolo di supporto nello “stoma care” da utilizzare in urologia
Virus Zika, ecco come può danneggiare lo sviluppo cerebrale dei nascituri
Padel, traumi in aumento tra gli appassionati: i consigli dell’esperto
Volo in aereo: i fattori di stress da non sottovalutare
L’articolo Volo in aereo: i fattori di stress da non sottovalutare scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.