Si inizia a parlare dell’ipotesi sulla terza dose del vaccino contro il coronavirus di Pfizer-BioNTech.

Le persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer probabilmente avranno bisogno di una terza dose entro 6-12 mesi e in seguito si una iniezione ogni anno. L’ipotesi, però, deve però ancora essere confermata, stando a quanto annunciato dal presidente del Consiglio di amministrazione del gigante farmaceutico Albert Bourla.

Bourla ha anche aggiunto che le varianti giocheranno un ruolo chiave.

“È estremamente importante ridurre il numero di persone vulnerabili al virus”, ha affermato Bourla.

Pfizer-BioNTech aveva annunciato già a febbraio uno studio clinico sugli effetti della somministrazione di una terza dose di siero.

TSRM, professioni tecniche e ostetriche potranno inoculare vaccini: ecco l’infungibilità degli infermieri…secondo la Mangiacavalli
Molnupiravir contro il Covid-19: lo studio
Come sono ripartite tra le regioni le risorse del Fondo Sanitario Nazionale?
Vaccino Pfizer: l’ipotesi sulla terza dose
Brasile, più di 800 i bambini morti per Covid. La storia di Lucas
Fonte: rsi.ch
L’articolo Vaccino Pfizer: l’ipotesi sulla terza dose scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.