Lo ha reso noto la Cts dell’Agenzia, precisando che devono passare almeno sei mesi dalla seconda dose.

La Commissione Tecnico Scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha espresso parere favorevole in merito alla dose booster del vaccino Spikevax (Moderna), a distanza di almeno sei mesi dalla seconda dose, per soggetti di età pari o superiore ai 18 anni.

Lo ha reso noto la stessa Cts attraverso apposita nota ribadendo che,”come già stabilito per la dose booster di Pfizer, tale opportunità dovrebbe essere offerta in via prioritaria ai soggetti già indicati per il vaccino Comirnaty (Pfizer)”. La dose booster del vaccino Spikevax sarà inoltre inserita nell’elenco di cui alla Legge 648/96 per consentirne l’uso eterologo.

Redazione Nurse Times

Vaccino anti-Covid Moderna, via libera dell’Aifa a dose booster per over 18
Caso Poggiali, ritorno al lavoro non prima del 2026. Opi Ravenna: “È stata radiata”
Medico sospeso in Trentino per presunte molestie sessuali nei confronti di infermiere
Ictus, l’Istituto Mario Negri punta alla ricerca di biomarcatori in grado di predire il rischio
Gastroprotettori e insorgenza di malattie: c’è una correlazione? Aigo fa chiarezza
L’articolo Vaccino anti-Covid Moderna, via libera dell’Aifa a dose booster per over 18 scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.