Il documento fornisce indicazioni utili in merito alla vaccinazione di ospiti residenti e operatori coinvolti.

Dalle comunità socio-assistenziali (Rsa, strutture per disabili e per persone con problemi di salute mentale) alle carceri. Dai centri di prima e seconda accoglienza per stranieri e per italiani ai centri di recupero per le dipendenze patologiche. Dalle case di alloggio per persone con Hiv/Aids alle case famiglia fino alle comunità religiose. Le comunità residenziali nel loro insieme sono accomunate da un elevato livello di rischio di infezione da coronavirus, individuale e collettivo, in conseguenza delle condizioni strutturali e di coabitazione, e pertanto rappresentano una priorità per il raggiungimento degli obiettivi della campagna di vaccinazione anti-Covid.

Alcune di queste strutture – si pensi alle carceri – presentano fattori di rischio quali sovraffollamento, scarsa ventilazione, impossibilità di mantenere le distanze interpersonali e di isolare i casi. Altre, quali ad esempio i centri di accoglienza, sono caratterizzate da un considerevole turnover della popolazione presente, nonché da mobilità da/per la comunità, e dunque sono particolarmente esposte al pericolo di introduzione dell’infezione e al conseguente verificarsi di focolai epidemici.

Da questo scenario e nell’ambito di un’occasione quale l’emergenza COVID-19 e la necessaria campagna vaccinale di massa, è scaturito il rapporto Iss dal titolo Vaccinazione contro COVID-19 nelle comunità residenziali in Italia: priorità e modalità di implementazione ad interim, in cui gli esperti analizzano le caratteristiche peculiari dei vari e differenti contesti residenziali presenti a livello nazionale, con l’intento di fornire una serie di indicazioni utili a supportare l’implementazione delle strategie per la vaccinazione degli ospiti residenti e degli operatori coinvolti. Ad esempio:

fare in modo che servizi di salute pubblica, quali la vaccinazione, siano culturalmente adeguati, adattati alle caratteristiche specifiche della popolazione oggetto dell’intervento, inclusi gli aspetti legati alla comunicazione e all’informazione;ottenere il consenso informato, indispensabile per la somministrazione del vaccino, in modo tale da garantirne la volontarietà, la corretta informazione e la comprensione da parte della persona delle procedure e dei possibili effetti collaterali anche qualora esistano barriere linguistiche, culturali o cognitive;mettere a punto strategie per superare nella popolazione fragile e vulnerabile barriere di tipo finanziario, linguistico, culturale, logistico, ecc., contribuendo in tal modo ad obiettivi quali l’equità di accesso a servizi di prevenzione e la lotta alle disuguaglianze in salute, come previsto dai Sustainable Development Goal.Redazione Nurse Times

Avellino, asportati tumori in blocco e in sincrono da tre organi diversi
Dermopigmentazione: il TAR del Lazio attribuisce competenze infermieristiche anche alle estetiste
Coronavirus, ecco la causa dei rari casi di trombosi dopo il vaccino AstraZeneca
Coronavirus e viaggi: niente tampone o quarantena per bimbi sotto i 6 anni
Vaccini anti-Covid nelle comunità residenziali: priorità e modalità di implementazione ad interim nel nuovo rapporto Iss
L’articolo Vaccini anti-Covid nelle comunità residenziali: priorità e modalità di implementazione ad interim nel nuovo rapporto Iss scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.