Con la campagna vaccinale che entra nel vivo in ogni regione d’Italia sono molte le aziende ospedaliere che arrancano per riuscire a vaccinare in tempi utili la popolazione avente diritto all’inoculazione del vaccino contro il Covid-19.
Nonostante l’abolizione del vincolo di esclusività per i dipendenti pubblici che intendano andare a lavorare negli Hub, continuano a mancare moltissimi vaccinatori.
Certo, ora anche i farmacisti stanno dando una mano importante al raggiungimento della tanto attesa immunità di gregge, ma nonostante ciò, l’Azienda Tutela Salute Sardegna si rivolge nuovamente agli infermieri.
Per reclutare i professionisti della salute utilizzerà la deliberazione del Commissario Straordinario n. 257 del 14/04/2021.
Attraverso l’indizione di una “manifestazione di interesse finalizzata alla formazione di un elenco di infermieri per lo svolgimento dell’attività di somministrazione del vaccino contro il COVID-19”, l’azienda spera di reclutare i molti sanitari mancanti.
Ma per invogliare loro a dedicare il proprio tempo libero a tale campagna non offre lauti compensi o vantaggiosi incentivi. Semplicemente spera di riuscire a trovare qualcuno disponibile a fare ciò a costo zero, per il bene del paziente magari.
Nel bando viene infatti specificato come l’attività lavorativa sia in forma volontaria e gratuita.
Chiunque fosse interessato ad aderire alla campagna potrà candidarsi entro il 29/04/2021, seguendo le indicazioni riportate sul sito dell’ATS Sardegna.
Dott. Simone Gussoni
L’articolo Vaccinazioni Covid-19: ATS Sardegna ricerca infermieri disposti a lavorare gratuitamente scritto da Dott. Simone Gussoni è online su Nurse Times.