La giovanissima Olivia Guidry aveva più volte sostenuto la propria posizione no vax sui social.

Olivia Guidry, infermiera 21enne dell’ospedele Ochsner Lafayette General (Louisiana, Usa) è morta per complicazioni da Covid è morta sabato dopo aver combattuto il coronavirus per giorni nell’unità di Terapia intensiva della struttura in cui lavorava. Secondo quanto riportano i media locali, la ragazza, che seguiva corsi di medicina alla LSU Eunice e sperava di entrare in una scuola ufficiale, non era affatto convinta dell’efficacia dei vaccini anti-Covid.

Il virus le era stato diagnosticato a inizio luglio e, stando a un post pubblicato sui social da sua sorella Brittany, giovedì era stata messa in coma farmacologico dopo aver avuto febbre alta. Olivia credeva che i vaccini alterassero in qualche modo il Dna umano “a livello molecolare” e che fossero “pericolosi”, come lei stassa aveva scritto tempo prima su Twitter.

“Il vaccino? Non farlo. Non è sicuro”, aveva scritto anche su Facebook, mettendo anche in dubbio le misure di sicurezza contro la pandemia e definendo “falsi” i test del coronavirus. “Sono l’unica a pensare che stiano cercando di vedere quanto possono controllarci – si legge in un post dell’11 luglio 2020 -??? Siamo un esperimento sociale diretto”.

Redazione Nurse Times

Bari, Università Lum: dalla sinergia con l’ospedale Miulli nasce il nuovo corso di laurea in Medicina
Coronavirus, Croazia verso obbligo vaccinale per sanità, previdenza sociale e scuola
Green Pass, si discute sulla possibile attuazione del “modello francese”. Come ottenere il certificato?
Asl Teramo, al via il servizio di emodialisi domiciliare assistita
Emilia Romagna, la nuova figura del direttore assistenziale non piace ai sindacati medici
L’articolo Usa, infermiera 21enne muore di Covid: non credeva nei vaccini scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.