Solo il 15% dei pazienti ai quali è prescritta la combinazione destrometorfano idrobromuro-chinidina solfato ha una sindrome pseudobulbare (episodi incontrollabili di pianto o riso) a causa della sclerosi multipla (SM) o della sclerosi laterale amiotrofica (SLA), la condizione per cui questo farmaco è indicato. Lo rivela un’analisi di due database nazionali di richieste di assicurazioni commerciali pubblicata su “JAMA Internal Medicine”.