L’adozione di body-cams da applicare sulla divisa di infermieri, medici e altri operatori sanitari soggetti ad aggressioni è sempre stata controversa.
Tali dispositivi sono già ampiamente utilizzati dalle Forze dell’Ordine di moltissimi paesi nel mondo ma, nei sistemi sanitari faticano a trovare spazio.
Il Regno Unito ha stanziato importanti finanziamenti per poter sperimentare queste microcamere nei servizi di emergenza sanitaria territoriale nel tentativo di ridurre le aggressioni da parte di pazienti e famigliari.
Nel 2014 le bodycams sono state sperimentate anche in due unità operative dell’ospedale di Broadmoor, nel Berkshire. Dai risultati emersi è stata evidenziata una lieve riduzione degli episodi di violenza contro gli infermieri, convincendo la direzione sanitaria a proseguirne l’utilizzo. Inoltre è emersa un’importante diminuzione degli episodi di aggressività verbale e nei comportamenti antisociali dei pazienti.
Lindsay Bennett, responsabile del dipartimento di prevenzione degli episodi di violenza della struttura ospedaliera ha spiegato come attraverso le registrazioni delle aggressioni sia possibile osservare quali siano i campanelli di allarme nei pazienti, comprendendo atteggiamenti premonitori o modalità di interazione errate con l’interlocutore.
Nel 2016, un nuovo studio della durata di dodici settimane è stato condotto in cinque reparti del Berrywood Hospital, in Northampton. Sono state installate complessivamente dodici bodycams sulle divise di altrettanti infermieri. I dati raccolti, seppure limitati, hanno mostrato un quadro controverso: gli episodi di violenza si sono ridotti in tre reparti ma sono aumentati negli altri due. In questi ultimi l’incremento degli episodi è stato notevolmente aumentato rispetto ai dati raccolti un anno prima. L’aumento ha riguardato anche gli episodi di violenza verbale, rendendo necessario un maggiore impiego di metodi di contenzione fisica.
Da un successivo sondaggio rivolto agli operatori sanitari e agli stessi pazienti sarebbe emersa una maggiore sensazione di sicurezza in seguito alla presenza di telecamere sulle divise degli infermieri. In conclusione, l’utilizzo di tali dispostivi è risultato “accettabile sia per i pazienti che per lo staff”. Il costo per l’acquisto dell’attrezzatura sarebbe ammortizzato dalla diminuzione degli incidenti nei pazienti sottoposti a contenzione fisica, delle lezioni al personale e delle denunce. Nonostante ciò i ricercatori hanno concluso che siano necessarie ulteriori ricerche per avvalorare l’utilizzo delle bodycams in ogni realtà lavorativa.
Occorre specificare che le immagini raccolte da queste microcamere a circuito chiuso non sono accessibili a chiunque, ma solo su richiesta dell’autorità giudiziaria, ad esempio in caso di indagini per gli episodi di violenza.
In un ulteriore studio sono stati confrontati diverse tipologie di bodycam indossate dagli infermieri: il modello più efficace nel ridurre l’aggressività dei pazienti sarebbe quello nel quale è l’operatore stesso a dover premere un pulsante per avviare la registrazione del filmato.
Agli operatori è stato raccomandato di avvisare verbalmente il potenziale aggressore e di indicare con la mano la bodycam, intimandogli che a breve sarebbe iniziata la registrazione della scena. La sola pressione del pulsante di avvio ha ridotto notevolmente l’aggressività dei pazienti. Anche l’utilizzo di dispositivi dotati di schermo a cristalli liquidi che trasmette l’immagine ripresa in tempo reale è risultato efficace.
Le immagini raccolte da questi dispositivi vengono immagazzinate in un cloud per 31 giorni prima di essere sovrascritte. Nessuno potrà editarle in alcun modo e solo in caso di incidente saranno visionabili dalle autorità giudiziarie.
In ogni reparto si sarebbe registrata una riduzione della gravità degli incidenti a carico degli infermieri. Anche gli episodi di aggressività verbale da parte dei pazienti di sesso femminile sono diminuiti.
Il loro impiego ha permesso anche una riduzione dei tempi di indagine da parte delle Forze dell’Ordine, che hanno potuto acquisire immagini dettagliate del fatto accaduto potendo identificare più semplicemente l’aggressore.
Occorre tuttavia considerare anche eventuali problematiche relazionali tra il famigliare/paziente ed il professionista che indossi una bodycam: potrebbero infatti insorgere diverbi relativi a presunte violazioni della privacy e della dignità del paziente.
Inoltre sono stati sollevati ulteriori dubbi in merito all’utilizzo: è eticamente corretto che un infermiere filmi un paziente che presenta un elevato livello di disagio psicofisico per tutelare la propria incolumità?
Dott. Simone Gussoni
L’articolo Una body-cam sulla divisa degli infermieri può ridurre gli episodi di violenza da parte di pazienti e famigliari? scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.