Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura dell’Unione Lavoratori Sanità.

Continua la privatizzazione del servizio Ares 118 della Regione Lazio, grazie a una delibera (la n. 365 del 30 dicembre 2019) dell’Azienda Regionale Emergenza Sanitaria 118 che, al costo di circa 120 milioni di euro in tre anni, vorrebbe appaltare ben 116 lotti ai privati.

Riteniamo assurdo che, per garantire i Lea dell’emergenza in area extra-ospedaliera, si faccia per l’ennesima volta ricorso ad affidamenti in convenzione della durata triennale, dal costo di quasi 42 milioni di euro l’anno, soldi pagati dai cittadini della Regione Lazio, e non si vada invece nella direzione di modelli socio-lavoratividi internalizzazione e gestione diretta del Servizio sanitario pubblico.

Nelle more dell’espletamento delle nuove assunzioni già autorizzate e delle procedure concorsuali di medici, infermieri, autisti e barellieri, la delibera in questione traccia un solco sulla riorganizzazione dell’Ares 118 in termini di futuri concorsi per assumere nuovo personale e per poter internalizzare, tramite apposite procedure previste per legge, le centinaia di lavoratori precari che, sotto la dicitura di volontariato, svolgono un servizio importante.

Chiediamo un intervento urgente della Regione che annulli la delibera e si impegni a destinare le opportune risorse economiche per l’acquisizione di mezzi e di personale, affinché si garantisca il servizio di soccorso regionale all’interno del Servizio sanitario nazionale, ponendo fine alla stagione delle esternalizzazioni per milioni di euro, sostenute dalle tasse dei cittadini.

Redazione Nurse Times

L’articolo ULS Roma e Lazio: “Ares 118 affida 116 servizi di soccorso ai privati per 120 milioni di euro in tre anni. Intervenga la Regione” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.