La Ong rivela che nel Paese colpito dalla guerra sono stati rintracciati solo 638 dei 4mila bambini malati di cancro.

Molti sono stati messi in salvo e stanno continuando le terapie in altri Paesi, altri sono dovuti restare perchè troppo gravi, ma di tantissimi si sono persi i contatti e sono in corso le ricerche. Sono i bambini ucraini malati di tumore, piccoli pazienti oncologici le cui storie si intrecciano con la guerra e per i quali cresce la preoccupazione a un mese dall’inizio del conflitto.

La Ong Soleterre, insieme alla sua derivazione locale Fondazione Zaporuka, fa il punto sulla situazione dell’oncologia pediatrica in Ucraina, mentre prosegue l’incessante lavoro per mettere in salvo il maggior numero di bimbi malati di cancro. I numeri fotografano la gravità della situazione: su 4mila pazienti oncologici pediatrici in cura prima della guerra, ne sono stati rintracciati 638, di cui 440 evacuati dal Paese e accolti all’estero (anche in Italia) attraverso un’operazione speciale di ponte-aereo.

Oggi sono ricoverati presso strutture ospedaliere italiane almeno 70 bambini e adolescenti. Gli altri 198 pazienti presi in carico dalle strutture ospedaliere ucraine prima della guerra, e seguiti da Soleterre, non sono attualmente nelle condizioni di essere trasportati fuori dal Paese. Con loro Soleterre realizza un costante lavoro di verifica delle condizioni fisiche e psicologiche. Tuttavia restano numerosi bambini e adolescenti che Soleterre sta cercando di rintracciare attraverso i direttori di tutti i centri oncologici pediatrici ucraini. Questi pazienti sono stati dimessi forzatamente all’inizio della guerra e sono tornati nelle loro abitazioni, oppure sono coloro che dovrebbero recarsi regolarmente nei centri oncologici per le cure. Molti si trovano in villaggi remoti, lontano dalle grandi città, con cui è difficile comunicare.

“In Ucraina è in atto la più grande evacuazione di pazienti oncologici pediatrici mai avvenuta nella storia – afferma Damiano Rizzi, presidente di Soleterre –. In tutto il mondomi centri ospedalieri che accolgono i bambini oncologici avranno bisogno di risorse per poter trattare pazienti aggiuntivi e per mettere a loro disposizione personale extra in termini di supporto psicologico e mediazione culturale, attrezzature e rifornimenti. Perchè in questo momento è essenziale agire in fretta e bene”.

Soleterre è presente in Ucraina dal 2003, e in queste ore sta lavorando senza sosta per continuare a garantire farmaci nei pochi reparti pediatrici funzionanti e mettere in salvo, fuori dal Paese, i pazienti più gravi che, conclude Rizzo, “non possono rischiare di rimanere senza cure, neanche per un solo giorno”.

Redazione Nurse Times

Un vaccino per via inalatoria per sconfiggere ogni variante del Covid-19 ottenuto dalle uova di pollo
Corso Fad Ecm gratuito per infermieri “Amiloidosi cardiaca e valvulopatie”
Problemi con il server: salta il concorso a 1600 infermieri
Palermo, finisce davanti alla Corte Costituzionale il ricorso dello studente di Infermieristica sospeso per aver rifiutato il vaccino anti-Covid
Verona, anziana morta per una ferita infetta non medicata: due infermiere a processo
L’articolo Ucraina, Soleterre: “Persi i contatti con 3.362 piccoli pazienti oncologici” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.