Dall’inizio della pandemia si sono registate il 30% in più di richieste di aiuto da parte di infermieri e sanitari sfruttati con turni massacranti e ferie negate. A denunciarlo è il network legale Consulcesi.

“I nostri operatori sanitari continuano a essere ‘spremuti’ e, per di più, non sempre lo fanno in condizioni di sicurezza”, afferma in una nota Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, riporta adnkronos.com. “Con il rischio anche di sacrificare la propria salute fisica e mentale. Tutto questo – aggiunge – senza un adeguato riconoscimento”.

Consulcesi aggiunge, tuttavia, che il problema non nasce con la pandemia, anzi, si tratterebbe di un problema decennale su cui il nostro Paese è stato addirittura bacchettato dall’Unione europea ormai più di dieci anni fa. La direttiva 2003/88/CE, che promuove il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori, stabilisce un orario settimanale massimo di 48 ore – compreso lo straordinario – e un periodo di riposo giornaliero di 11 ore consecutive. Pur recependo tale direttiva, dal 2008 al 2015 l’Italia ne ha vanificato gli effetti.

Consulcesi ha messo a disposizione un servizio di consulenza gratuita per avere informazioni sulla possibilità di intraprendere un’azione legale, contattando l’800.122.777 oppure direttamente attraverso il sito www.consulcesi.it.

Vaccino in gravidanza, la bambina nasce con gli anticorpi contro il Covid
Presidente dello Stade Valdôtain Rugby racconta l’esperienza in rianimazione dopo il Covid: “mi sono sentito al sicuro”
Turni massacranti e ferie negate per i sanitari dall’inizio della pandemia
Innovativa chirurgia mininvasiva per curare il glaucoma
Malattie neurodegenerative: una possibile soluzione dalla stimolazione con la luce
L’articolo Turni massacranti e ferie negate per i sanitari dall’inizio della pandemia scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.