Sembrano promettere bene i test sui topi condotti alla Washington School of Medicine.

Racchiusi in un groviglio di fibre di collagene, i tumori sono come fortezze armate, quasi inespugnabili ai farmaci antitumorali e alle immunoterapie. Ad affermarlo è Tanya Khokhlova, professore associato di Ricerca nella divisione di Gastroenterologia della Washington School of Medicine. “La perfusione sanguigna è bassa, e tutto ciò che viene somministrato per via sistemica non raggiunge il tumore in una concentrazione abbastanza grande“, ha aggiunto.

Nei test sui topi, la stessa Khokhlova e i suoi colleghi del laboratorio di Fisica applicata hanno progettato una tecnologia che, tramite un dispositivo a ultrasuoni, dirige un raggio di pressione focalizzato sul tumore. Le onde ultrasoniche spingono il tumore, creando piccole bolle pulsanti che a loro volta creano crepe all’interno. Le fessure consentono l’ingresso dei terapeutici.

“Gli impulsi di ultrasuoni focalizzati e cavitazione che si verificano all’interno del tumore inseriranno queste piccole crepe, pori e canali attraverso il tumore – ha spiegato Khokhlova –. Ciò lo renderebbe più permeabile a tutto ciò che viene somministrato per via sistemica, che si tratti di chemioterapia o immunoterapia o di qualsiasi altro agente usato per combattere il cancro“.

Finora i test sui topi sono stati eseguiti con un piccolo dispositivo ad ultrasuoni. Gli studi sull’uomo e l’eventuale approvazione della Food and Drug Administration (Fda) potrebbero arrivare tra circa tre anni, ma Khokhlova spera che il suo dispositivo dia intanto speranza ai pazienti.

Redazione Nurse Times

Tumori: possibili speranze da un dispositivo a ultrasuoni
Andropausa: un mito da sfatare
Variante Omicron: servono nuovi vaccini e trattamenti?
Israele, al via studio su quarta dose di vaccino anti-Covid
L’infermiere di Famiglia tra Passato, Presente e Futuro
L’articolo Tumori: possibili speranze da un dispositivo a ultrasuoni scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.