Nuovi dati provenienti da studi clinici che hanno portato all’approvazione dell’immunoterapia con nivolumab nel carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) mostrano che i pazienti che rispondono al farmaco hanno una migliore sopravvivenza a lungo termine.