Arriva dall’Istituto Tumori di Bari la scoperta che potrebbe rendere meno complessa la ricostruzione della mammella col grasso della paziente.

Grazie a una scoperta realizzata all’Istituto Tumori Giovanni Paolo II di Bari la tecnica che permette di ricostruire con il grasso la mammella di pazienti oncologiche, nota come lipofilling, potrebbe non richiedere più ripetuti interventi a distanza di tempo, con i disagi che ne conseguono.

Attraverso la crioconservazione, infatti, il grasso può essere prelevato in un’unica soluzione e innestato a più riprese, anche ambulatorialmente. Il problema è stato dimostrare che questa metodica fosse realizzabile senza l’utilizzo di conservanti potenzialmente nocivi. Operazione riuscita proprio grazie alla ricerca partita dalla Chirurgia plastica dell’Istituo barese.

Una ricerca che ha dato risultati entusiasmanti sulla permanenza in vita delle cellule. Probabile che in breve tempo la nuova metodica possa essere introdotta per i trattamenti di chirurgia estetica, partendo dalle donne che hanno affrontato un tumore e arrivando a tutti i casi in cui risulti necessario un intervento di chirurgia ricostruttiva.

Redazione Nurse Times

Aborto, indagine Ass. Coscioni rivela i dati nascosti sull’obiezione di coscienza: “100% di ginecologi obiettori in almeno 15 ospedali”
Emicrania: cure più “vicine” grazie a una nuova app
Magi, presidente Omceo Roma: un tavolo con il governo e la Regione per avere la polizia nei Pronto soccorso “Violenze ai sanitari Umberto I non degne di paese civile”
Strutture di riabilitazione psichiatrica. Galante (M5S): “Ho chiesto report alle Asl per avere quadro della situazione pugliese. Serve modifica del regolamento”
Tumore alla prostata: nel microbioma intestinale la resistenza alle cure
L’articolo Tumore al seno: la crioconservazione al servizio del lipofilling scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.