L’uomo, un tunisino di 45 anni, è stato identificato dai carabinieri del Nas nella residenza per anziani “Menegazzi”. Per il direttore della struttura non c’è nulla di irregolare.

Durante un controllo di routine sul rispetto dei protocolli anti-Covid effettuati nella residenza per anziani “Menegazzi” di Treviso i carabinieri del Nas hanno identificato un infermiere tunisino di 45 anni, dipendente di una cooperativa, che non risulta iscritto all’albo professionale, pur possedendo un titolo apparentemente regolare (nei prossimi giorni i relativi accertamenti). A suo carico si profila ora una denuncia per esercizio abusivo della professione.

Giorgio Pavan, direttore della casa di riposo, ribatte così alle contestazioni: «In base a una norma contenuta in un decreto legge del 2020 e prorogata nel settembre scorso al 13 dicembre 2022 è previsto che oss e infermieri, data la situazione del Covid e per la carenza di personale, possono operare, ammesso che siano iscritti all’albo del Paese di provenienza, qualora sia necessario». Il lavoratore tunisino, sostiene il direttore «è un iscritto Ipasvi dal 2011 e si tratta di una vecchia conoscenza, che ha già lavorato con noi».

Redazione Nurse Times

Treviso, lavorava in Rsa senza essere iscritto all’albo: infermiere rischia denuncia per esercizio abusivo della professione
Al lavoro senza vaccino o da sospesi: i Nas denuciano 281 medici No vax
Svizzera: premio di 8mila euro per chi recluta infermieri italiani
Germania, pronte nuove restrizioni per i non vaccinati contro il Covid. Merkel: “Magari avessimo i numeri dell’Italia”
Va all’Hub vaccinale con un finto braccio in silicone. Denunciato NoVax biellese
L’articolo Treviso, lavorava in Rsa senza essere iscritto all’albo: infermiere rischia denuncia per esercizio abusivo della professione scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.