La Procura contesta, oltre al mancato controllo, la scelta di ospitare il paziente in ambienti non idonei e con finestre normalmente accessibili.

La Procura di Torino ha aperto un procedimento per lesioni colpose gravi a carico di tre medici (tra cui il primario della Riabilitazione) e due infermieri di una clinica privata, accusati di non aver vigilato correttamente su un paziente di 46 anni che il 24 novembre 2019 si è lanciato dal quarto piano della struttura. L’uomo, vittima di un incidente stradale in Canavese il 2 ottobre 2019, era stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Chivasso e salvato dopo il ricovero in Terapia intensiva.

Terminato il periodo di degenza ospedaliera, l’uomo fu trasferito a un centro specializzato di Torino, in quanto alle prese con una sindrome confusionale post-traumatica. Ed è lì lanciò nel vuoto. Trasportato d’urgenza all’ospedale Cto di Torino dopo il tentativo di suicidio, sopravvisse a quattro arresti cardiaci, ma a causa di una infezione gli furono amputati entrambi i piedi. 

L’ipotesi della Procura è che i responsabili della struttura abbiano erroneamente deciso di ospitare il paziente in ambienti non idonei e con finestre normalmente accessibili. A questo si aggiunge, secondo l’accusa, il mancato controllo.

Redazione Nurse Times

Giovanni Oss “Guadagniamo così poco che sto pensando di cambiare lavoro”
La continuità del rapporto madre-bambino e il mantenimento dell’allattamento in caso di ricovero ospedaliero
Coronavirus, anticorpi possono predire il rischio contagio dopo la doppia dose di vaccino: lo studio israeliano
Coronavirus, ecco perché i bambini si ammalano meno
Torino, tentò il suicidio dopo un incidente stradale: indagati 3 medici e 2 infermieri di una clinica privata
L’articolo Torino, tentò il suicidio dopo un incidente stradale: indagati 3 medici e 2 infermieri di una clinica privata scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.