NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano divenuto il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie.

Sono numerose le tesi di laurea che ci inviate e che arricchiscono il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la loro tesi di laurea sul nostro portale (redazione@nursetimes.org)

La dott.ssa Sicilia Sara, consegue la laurea in infermieristica presso Università degli Studi dell’insubria, presenta la tesi dal titolo “L’infermiere e l’identificazione precoce della depressione post-partum: una revisione della letteratura”.

Abstract

La depressione post-partum è una condizione patologica grave che colpisce con diversi livelli di gravità la neomamma nell’intervallo fra le 6 e 12 settimane dal parto.

Se non identificata questa condizione porta ad autolesionismo e suicidi nelle neomamme e maltrattamenti nei confronti del bambino che svilupperà deficit nello sviluppo psico-sociale.

Identificare questa condizione è di fondamentale importanza, impedisce lo sviluppo di complicanze sia nella donna che nel bambino. Lo scopo di questa revisione della letteratura è quello di definire il ruolo dell’infermiere nella prevenzione e identificazione precoce della depressione post-partum, lo scopo secondario è quello di individuare degli strumenti validati, semplici nell’utilizzo e condivisi nei vari setting assistenziali da utilizzare per identificare precocemente la depressione post-partum nelle donne sia durante le visite di controllo in ospedale sia sul territorio in seguito alla dimissione della neomamma.

La ricerca è stata fatta mediante l’utilizzo delle banche dati elettroniche Medline sulla piattaforma elettronica PubMed della National Library, PsycINFO, CINAHL e Cochrane Library. Sono stati consultati testi pertinenti con l’ambito indagato.

Dall’analisi dei 6 studi presi in considerazione, si evince che gli screening per identificare precocemente la depressione post-partum non vengono utilizzati dagli infermieri. Inoltre, dalla letteratura si evince che è fondamentale la formazione del personale sanitario in modo da poter riconoscere più facilmente questa condizione grazie all’utilizzo di screening.

I risultati della mia ricerca nel primo capitolo delineano il campo d’azione e la responsabilità infermieristica circa l’identificazione precoce della depressione post-partum, con i benefici che la prevenzione comporta.

Nel secondo vengono riportati i risultati presenti in letteratura circa strumenti validati, utilizzati e condivisi tra professionisti e di facile utilizzo, a fronte delle scale presenti e validate ma che non vengono utilizzate spesso perché di lunga somministrazione.

Sicilia Sara

Allegato

Tesi “L’infermiere e l’identificazione precoce della depressione post-partum: una revisione della letteratura”

On. Mammì (M5S): una mezza vittoria la sospensione del vincolo di esclusività. Gli infermieri meritano più rispetto
Carmine, infermiere “Allentamento del vincolo verità autentica o fumo negli occhi?”
“Gli infermieri che non si vaccinano contro il Covid-19 saranno ulteriormente demansionati”: al vaglio la proposta Novelli
Taranto, dimesso il finanziere ricoverato dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca
Allo Spallanzani si sperimenta il vaccino Sputnik V
L’articolo Tesi “L’infermiere e l’identificazione precoce della depressione post-partum: una revisione della letteratura” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.