NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano divenuto il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie

Sono numerose le tesi di laurea che arricchiscono il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in tutte le professioni sanitarie di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale (redazione@nursetimes.org). 

Ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

La dott.ssa Sara De Salvo presenta la tesi dal titolo “La gestione extraospedaliera del paziente politraumatizzato: immobilizzazione spinale versus spine motion restriction”, laureatasi presso Università Cattolica Del Sacro Cuore.

ABSTRACT

Il seguente lavoro di tesi indaga la gestione sul territorio del politraumatizzato con particolare riferimento all’utilizzo dell’immobilizzazione spinale posta in relazione con la spinal motion restriction(SMR).

 Lo scopo di questo elaborato, è quello di verificare se l’utilizzo delle tecniche di immobilizzazione spinale tradizionale nel politrauma, sono efficaci.

 La ricerca è stata condotta eseguendo una revisione libera della letteratura consultando maggiormente le banche date online e motori di ricerca: Google Scholar e Medline. Inoltre sono stati consultati diversi manuali: Ruffinato F.(2007)-Chiaranda M.(2008)-Capucci(2009).Per rispondere alla domanda di ricerca dopo un’attenta lettura del titolo e dell’abstract di 46 articoli, sono stati presi in considerazione 28 articoli, escludendo nel campionamento la popolazione pediatrica.

 Da studi già esistenti in letteratura si evince che l’immobilizzazione spinale tradizionale, la cui logica di utilizzo è la prevenzione o minimizzazione del danno secondario al midollo spinale causato da potenziali lesioni della colonna vertebrale, non è poi così efficace ma piuttosto risulta essere un mito da sfatare. L’ immobilizzazione spinale tradizionale determina infatti un’aumento degli esami diagnostici presso il presidio ospedaliero, la possibilità di sviluppare lesioni da pressione, algia generalizzata, depressione respiratoria e aumento della pressione endocranica.

Andranno quindi eliminati concetti e pratiche ormai divenute consuetudine, si dovranno ridiscutere i protocolli di immobilizzazione nel politrauma ed è necessario rimodulare la formazione del personale sanitario ,poiché possa essere utilizzata la spinal motion restriction.

Sara De Salvo

Tesi: “La gestione extraospedaliera del paziente politraumatizzato: immobilizzazione spinale versus spine motion restriction”

Tesi “La gestione extraospedaliera del paziente politraumatizzato: immobilizzazione spinale versus spine motion restriction”
Il primo trapianto di cuore di maiale geneticamente modificato si è concluso con successo. A beneficiarne un 57enne
Infarto e ischemia cardiaca, svolta per la terapia da un nuovo anticorpo monoclonale
Il dott. Dal Passo presenta la tesi infermieristica “individuazione e trattamento delle bradicardie”
Messina, nascose sieropositività alla compagna (poi morta di Aids): condannato a 22 anni
L’articolo Tesi “La gestione extraospedaliera del paziente politraumatizzato: immobilizzazione spinale versus spine motion restriction” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Facebook Notice for EU! You need to login to view and post FB Comments!