I risultati preliminari su tre pazienti di una terapia genica sperimentale per la distrofia muscolare dei cingoli (LGMD, limb-girdle muscular dystrophy) hanno mostrato un aumento dell’espressione di una proteina chiave che manca in chi è affetto da questa rara e grave malattia genetica neuromuscolare.