In V commissione audite le Organizzazioni sindacali, questo il punto di vista della CGIL

La DGR Veneto n.41/CR del 12/04/2022, in discussione presso la Quinta Commissione consiliare, prevede un nuovo percorso di “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” e di “Formazione per infermieri referenti per l’inserimento di Operatori Socio-Sanitari nelle strutture residenziali e semiresidenziali per anziani”. 

Nell’audizione di giovedì 5 Maggio, Cgil e FP Cgil Veneto hanno evidenziato che il percorso formativo complementare proposto è prevalentemente rivolto, almeno all’inizio, agli operatori in attività presso le strutture residenziali e semiresidenziali per anziani, extraospedaliere pubbliche e private accreditate. 

“L’iniziativa – dichiarano Paolo Righetti (Segreteria confederale Cgil Veneto) e Ivan Bernini (Segretario generale Fp Cgil Veneto) – mira ad attribuire al nuovo OSS con formazione complementare attività e funzioni aggiuntive rispetto a quelle attuali. 

Tali nuove attività e funzioni vanno comunque attribuite e supervisionate dagli infermieri/e e devono essere caratterizzate da bassa discrezionalità decisionale ed elevata standardizzazione. Ma in una situazione di oggettiva, manifesta e dichiarata carenza di personale infermieristico in tali strutture, a nostro avviso più che supportare l’attività infermieristica rischierebbero di sostituirla, generando molta confusione e forti criticità e carenze nell’organizzazione e nella qualità delle prestazioni, nell’attribuzione delle responsabilità e nella tutela dei rischi professionali. 

È poi difficile escludere che tale modello non diventi estensivo anche in ambito sanitario ed ospedaliero 

Cgil e Fp/Cgil del Veneto ritengono che l’opportunità e l’esigenza di identificare e regolamentare una nuova figura professionale richieda prima un confronto approfondito e tempestivo e un nuovo accordo specifico nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni, che guardi all’insieme delle professioni del sistema salute e non per pezzi. Un percorso che operi un serio rendiconto di tutti i profili, dopo 30 anni dalla riforma professionale. Un sistema o avanza e cresce insieme o retrocede a modelli non utili né riproponibili. 

Un percorso che deve prevedere uniformità ed omogeneità applicativa, formativa e organizzativa in tutto il territorio nazionale e la regolamentazione della eventuale nuova figura professionale in tutti i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro pubblici e privati. 

Si auspica pertanto che la Regione Veneto riconosca e condivida il valore di questo percorso e se ne faccia promotrice, con le altre Regioni, insieme a un processo più generale di riordino/riforma dell’intero sistema delle professioni, evitando forzature e singole iniziative frammentate, rischiose e poco gestibili. 

Per dare una risposta strutturale e non solo emergenziale alla grave carenza di personale infermieristico è infine quanto mai necessaria e urgente, come per tutte le professioni sanitarie e sociosanitarie, la ridefinizione dei fabbisogni reali e la riprogrammazione di tutti i percorsi formativi, aggiornando e incrementando la capacità e l’offerta formativa delle Università e dei corsi di Laurea”. 

Redazione NurseTimes

Super Oss in Veneto per la Cgil “più che supportare l’attività infermieristica rischierebbero di sostituirla”
Rinnovo contratto. Nursing Up “gravi carenze di personale, infermieri con più di 100 giorni di ferie arretrate” 
L’autorevolezza e infungibilità della professione infermieristica: a Bari un esempio
Rinnovo contratto Sanità: il punto di Cgil Cisl e Uil
La dott.ssa Candeloro presenta la tesi “Se l’infermiera avesse il naso rosso? Prendersi cura oltre la cura”
L’articolo Super Oss in Veneto per la Cgil “più che supportare l’attività infermieristica rischierebbero di sostituirla” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.