Il problema riguarda soprattutto gli anziani. Lo rivelano i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis.

Le persone con apnea notturna si svegliano stanche al mattino, indipendentemente dalle ore effettive di sonno. Anche se le interruzioni nella respirazione non risvegliano le persone con apnea, impediscono loro di sprofondare in un sonno profondo e ristoratore. 

Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis, per ogni otto interruzioni della respirazione ogni ora, le probabilità di avere comportamenti pericolosi alla guida (come accelerare, frenare bruscamente o accelerare improvvisamente) aumenta del 27%. Gli anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare apnea notturna e hanno anche maggiori probabilità di essere gravemente feriti o uccisi in un incidente d’auto.

I risultati, disponibili online sulla rivista Sleep, suggeriscono che lo screening degli anziani per l’apnea notturna e per il trattamento, se necessario, può aiutare le persone anziane a continuare a guidare in sicurezza più a lungo. “La percentuale di anziani con apnea notturna lieve va dal 30% al 50%, ma se non hanno sonnolenza diurna o altre prove di compromissione, potrebbero non rivolgersi al medico”, spiega Brendan Lucey, co-autore senior dello studio, MD, professore associato di neurologia e direttore del Centro di medicina del sonno della Washington University. 

Le persone di età pari o superiore a 65 anni in genere sono i conducenti più responsabili sulla strada, rispettano i limiti di velocità, guidano sulla difensiva ed evitano di guidare di notte, in caso di maltempo e in luoghi sconosciuti. Ma i cambiamenti che spesso si verificano con l’avanzare dell’età, come il deterioramento della vista, riflessi più lenti e difficoltà a dormire, possono minare anche le abitudini più sicure.

Lucey ha collaborato con il ricercatore Ganesh M. Babulal, PhD, OTD, un assistente professore di neurologia e co-autore senior del documento, per studiare la relazione tra apnea notturna e comportamenti di guida rischiosi. I partecipanti sono stati reclutati dagli studi in corso presso il Charles F. e il Joanne Knight Alzheimer Disease Research Center (Knight ADRC) della Washington University.

Babulal e Lucey hanno monitorato le abitudini di guida e del sonno di 96 anziani in condizioni reali, utilizzando un test da portare a casa e disponibile in commercio per identificare le persone con apnea notturna e misurarne la gravità. Meno di cinque interruzioni respiratorie all’ora sono considerate normali. Da cinque a 15 indicano un’apnea notturna lieve. Da 15 a 30, moderata. Superiore a 30, grave.

Per valutare le abitudini di guida i ricercatori hanno installato un chip sviluppato da Babulal e colleghi nei veicoli personali dei partecipanti e hanno monitorato la loro guida per un anno, concentrandosi su episodi di frenata brusca, accelerazione improvvisa e eccesso di velocità. In totale hanno raccolto dati su oltre 100mila viaggi.

I partecipanti sono stati anche valutati dai ricercatori del Knight ADRC per i disturbi cognitivi e i segni della malattia di Alzheimer precoce. Anche se tutti i partecipanti erano cognitivamente normali, circa un terzo presentava alterazioni cerebrali indicative della malattia di Alzheimer in fase iniziale. I ricercatori hanno scoperto che la frequenza con cui i conducenti facevano mosse pericolose al volante aumentava parallelamente alla frequenza con cui il loro sonno veniva interrotto di notte, indipendentemente dal fatto che il loro cervello portasse i segni dell’Alzheimer precoce.

“La guida comporta sempre il rischio di incidenti e gli anziani sono a rischio di lesioni più gravi rispetto ai giovani se subiscono un incidente – conclude Babulal –. Ma non possiamo semplicemente chiedere loro di rinunciare alla guida. Quando le persone anziane smettono di guidare, perdono molta della loro indipendenza e mobilità, che è spesso associata a risultati negativi sulla salute e sociali. Quello che vogliamo capire è cosa li mette a maggior rischio, in modo da poter intervenire e aiutarli a rimanere al volante, in sicurezza, il più a lungo possibile”.

Redazione Nurse Times

Fonte: MSD Salute

Caffeina: che effetti produce sulla salute e sulla vista?
Super Oss. Valentina, infermiera “la nostra Laurea è carta straccia”
Michele Tebaldi e la tuta a elettrodi che gli ha cambiato la vita: “Ho ripreso il controllo del mio corpo”
Studio Usa: “Apnea notturna aumenta rischio di comportamenti pericolosi alla guida”
Conoscere gli esami ematochimici: la VES (velocità di eritrosedimentazione)
L’articolo Studio Usa: “Apnea notturna aumenta rischio di comportamenti pericolosi alla guida” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.