La variante Omicron può contagiare i guariti dal coronavirus e le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino. Lo rivela l’ultimo report dell’Imperial College di Londra, che ha preso in esame dati della Uk Health Security Agency (UkHsa) e del Servizio sanitario nazionale (Nhs). Dati che hanno registrato tutti i casi di Covid-19 confermati in Inghilterra con un test molecolare tra il 29 novembre e l’11 dicembre 2021.

Gli esperti stimano “che il rischio di reinfezione con la variante Omicron è 5,4 volte maggiore di quello della variante Delta”, e che quindi “la protezione contro la reinfezione da Omicron, offerta da un’infezione avuta in passato, può arrivare fino al 19%”. Gli scienziati hanno inoltre stimato l’efficacia dei vaccini anti-Covid contro l’infezione sintomatica da Omicron. Ebbene, “l’efficacia è compresa tra lo 0% e 20% dopo due dosi e tra il 55% e l’80% dopo la dose di richiamo”.

“Questo studio – afferma Neil Ferguson, dell’Imperial College – fornisce altre prove della misura, molto sostanziale, con cui Omicron può eludere l’immunità che può dare l’aver avuto la malattia e aver fatto il vaccino anti-Covid. Questo livello di evasione immunitaria significa che Omicron rappresenta una grave e imminente minaccia per la salute pubblica”.

La ricerca “non ha trovato prove che Omicron” causi infezioni di “gravità inferiore a Delta”, considerando la proporzione di persone risultate positive che riportano sintomi o la quota di casi che richiedono cure ospedaliere dopo l’infezione. “Tuttavia – precisano gli autori – i dati sui ricoveri rimangono molto limitati in questo momento”.

Redazione Nurse Times

Cancro del pancreas, sperimentata con successo innovativa terapia made in Italy con farmaco nanotecnologico
Coronavirus, studio varesino: “Meno anticorpi nella saliva con vaccini a mRNA”
ASP Vibo Valentia: concorso pubblico per 40 infermieri
ASP Crotone: avviso pubblico per operatore socio sanitario
Primo soccorso, conosciamo meglio la nuova legge italiana
L’articolo Studio inglese: “Variante Omicron può eludere immunità da guarigione o da vaccino” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.