Bere alcolici durante l’adolescenza fino alla giovane età adulta è associato all’irrigidimento arterioso accelerato, un precursore delle malattie cardiovascolari. E’ quanto si è scoperto da uno studio presentato al Congresso del ESC 2021.

“C’erano alcune prove di un aumento gradualo con un uso più corposo, il che significa che più bevi, maggiore è l’aumento della rigidità arteriosa”, ha dichiarato l’autore dello studio Hugo Walford, uno studente di medicina all’University College di Londra, Regno Unito. “La relazione non è stata spiegata da altri fattori predisponenti per le malattie cardiache, suggerendo che il comportamento rischioso durante questo periodo ha un effetto diretto sulla salute vascolare.”

Man mano che le persone invecchiano, le loro arterie diventano naturalmente più rigide e meno elastiche. Le arterie più rigide sono associate a maggiori rischi di malattie cardiache e ictus.2 Alcuni comportamenti possono accelerare l’irrigidimento arterioso. Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che il fumo di tabacco e il consumo di alcol sono legati a arterie più rigide negli adolescenti.

Poiché la giovane età adulta è un periodo critico per l’iniziazione e il forte uso di fumo e alcol, questo studio si è concentrato sui cambiamenti nella rigidità arteriosa tra i 17 e i 24 anni e sul rapporto con queste abitudini.

Lo studio ha incluso 1.655 partecipanti allo studio longitudinale Avon su genitori e bambini(ALSPAC) di età compresa tra 17 e 24 anni. L’alcol e il fumo sono stati misurati all’età di 17 e 24 anni e i risultati nei due punti di tempo sono stati combinati. Il consumo di alcol è stato classificato come mai, medio (4 bevande o meno in una tipica giornata di bevute) e alto (più di 5 bevande in una tipica giornata di bevute). Il fumo è stato classificato come mai, passato, medio (meno di 10 sigarette al giorno) e alto (10 o più sigarette al giorno).

La rigidità arteriosa è stata valutata all’età di 17 e 24 anni utilizzando una tecnica non invasiva chiamata velocità dell’onda dell’impulso carotide-femorale, che è un predittore robusto e indipendente delle future malattie cardiovascolari, specialmente nei giovani.

I ricercatori hanno esaminato le associazioni tra fumo e abitudini alimentari e i cambiamenti nella rigidità arteriosa tra i 17 e i 24 anni. Le analisi sono state regolate per età, sesso e stato socioeconomico, oltre alle seguenti misure all’età di 24 anni: indice di massa corporea, pressione sanguigna, colesterolo lipoproteina a bassa densità (LDL), glucosio nel sangue e proteina C-reattiva (una misura dell’infiammazione).

Il consumo di alcol tra i 17 e i 24 anni è stato classificato rispettivamente come mai, medio e alto nel 7%, 52% e 41% dei partecipanti. Il fumo in quel periodo è stato classificato come mai, passato, medio e alto nel 37%, 35%, 23% e 5% dei partecipanti, rispettivamente.

La rigidità arteriosa è aumentata in media del 10,3% dai 17 ai 24 anni, con un aumento leggermente maggiore osservato nelle donne che negli uomini. La rigidità arteriosa è aumentata ad ogni aumento di punto del punteggio alcolico medio. Non è stato visto alcun aumento graduato della rigidità arteriosa con il punteggio medio di fumo. Mentre i fumatori ad alta intensità avevano un aumento numericamente maggiore della rigidità arteriosa rispetto ai mai fumatori, questo raggiunse solo l’importanza statistica nelle donne. I cambiamenti nella rigidità arteriosa tra i 17 e i 24 anni non differivano tra ex fumatori e mai fumatori.

Walford ha dichiarato: “I risultati suggeriscono che il danno arterioso si verifica nei giovani bevitori e nelle giovani donne che fumano pesantemente. Mai fumatori ed ex fumatori hanno avuto alterazioni simili nella rigidità arteriosa, indicando che smettere può ripristinare la salute vascolare in questa giovane età.

Ha concluso: “Il binge drinking è spesso un’esperienza normale per gli studenti e una diminuzione della prevalenza del fumo nel Regno Unito è messa in discussione da un forte aumento del consumo di sigarette elettroniche. I giovani possono credere che bere e fumare non causino danni a lungo termine. Tuttavia, questi risultati indicano che questi comportamenti potrebbero mettere i giovani su una traiettoria di vita a partire dall’irrigidimento arterioso precoce, che alla fine potrebbe portare a malattie cardiache e ictus.

Ultimi articoli pubblicati

Scoperto anticorpo che protegge da un’ampia gamma di varianti di virus COVID-19
Gli studenti di infermieristica chiedono di non abbandonare la Didattica a Distanza
Studio ESC 2021: Il consumo di alcol nei giovani adulti è associato all’invecchiamento precoce dei vasi sanguigni
Modena: altri 5 sanitari non vaccinati
Fda approva definitivamente vaccino Pfizer
L’articolo Studio ESC 2021: Il consumo di alcol nei giovani adulti è associato all’invecchiamento precoce dei vasi sanguigni scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.