Le due deputate pentastellate sottolineano in una nota come l’efficienza del Ssn debba cominciare da una “giusta retribuzione” per chi è stato “colonna della nostra sanità nei momenti più difficili della pandemia”.

“L’attuale situazione del personale sanitario, in particolare quello infermieristico, è drammatica sotto il profilo della carenza e della valorizzazione economica. Per questo è molto positivo che il Governo, grazie a un nostro ordine del giorno al Decreto sull’obbligo vaccinale, si sia impegnato a valutare l’opportunità di riconoscere nuove risorse e indennità”. Così, in una nota, Gilda Sportiello, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Affari sociali, e Stefania Mammì, deputata M5S.

“Il personale sanitario – continuano Sportiello e Mammì – ha rappresentato un rilevante baluardo a difesa della salute pubblica. E’ stato la colonna della nostra sanità nei momenti più difficili della pandemia, riuscendo sempre ad assicurare cure e assistenza. Penso, ad esempio, ai nostri infermieri, pochi rispetto al fabbisogno e tra i meno pagati d’Europa, che ancora sono in attesa dell’indennità prevista dalla Legge di Bilancio 2021, legata al rinnovo contrattuale“.

E ancora: “In questo senso, come Movimento 5 Stelle, ci siamo impegnati con diversi emendamenti volti a sbloccare le risorse legate all’indennità. Siamo convinti che, se vogliamo migliorare l’efficienza del nostro Sistema sanitario, dobbiamo partire dalla dignità del lavoro e dalla giusta retribuzione”.

Redazione Nurse Times

Gravidanza e Covid, al Niguarda “nasce” l’ostetrica di famiglia e comunità
Sportiello-Mammì (M5S): “Ok a Odg su maggiori risorse per personale sanitario”
Concorso infermieri Puglia, Montanaro ribadisce: “Nessuna sospensione delle procedure”
Osservatorio sulla sicurezza delle professioni sanitarie, Fials: “Lavoreremo per una cultura della non violenza”
La dott.ssa Casoria presenta la tesi sulla gestione infermieristica del Port a Cath
L’articolo Sportiello-Mammì (M5S): “Ok a Odg su maggiori risorse per personale sanitario” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.