Compete alla Azienda sanitaria locale la decisione finale in ordine alla necessità di derogare all’obbligo vaccinale in considerazione di quanto dichiarato dal medico di medicina generale nel proprio certificato 

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) respinge quindi l’istanza cautelare proposta da un medico dipendente della Asl Cn1.

Le motivazioni della sentenza

Il comma 2 dell’art. 4, d.l. n. 44 del 2021, non modificato, in parte qua, dall’art. 1, comma 1, d.l. 26 novembre 2021, n. 172, ha previsto l’esenzione dall’obbligo vaccinale, con differimento o, addirittura, omissione del trattamento sanitario in prevenzione, per il solo caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale. 

La Sezione ha quindi richiamato i principi espressi con sentenza 20 dicembre 2021, n. 8454, secondo cui la finalità semplificatrice delle modalità di accertamento della sussistenza delle condizioni di esonero dell’obbligo vaccinale, e la connessa realizzazione di un punto di equilibrio con la primaria responsabilità attribuita alla Azienda sanitaria locale in ordine alla efficacia del piano vaccinale (il quale sarebbe compromesso in uno dei suoi gangli principali, laddove la tutela anti-pandemica, affidata allo strumento vaccinale, fosse indebolita proprio laddove l’agente infettivo ha dimostrato maggiore virulenza e capacità mortifera, ovvero nei riguardi dei soggetti “fragili” perché affetti da patologie preesistenti e/o concomitanti), è appunto stata realizzata dal legislatore mediante l’attribuzione al medico di medicina generale di un compito di “filtro” delle “istanze” di esonero, ferma la responsabilità della stessa Azienda sanitaria di verificare l’idoneità della certificazione all’uopo rilasciata, con il corollario che non di inutile “duplicazione” si tratta, atteso il contatto “diretto” del medico di medicina generale con il paziente, e quello secondario ed indiretto (ovvero mediato dalla certificazione del medico di medicina generale) della Azienda sanitaria locale. 

La Sezione ha quindi concluso ricordando che il giudizio reso dalla Azienda sanitaria locale è insindacabile da parte del giudice, che non ha la competenza tecnica per verificare, nel merito, la correttezza delle conclusioni alle quali è pervenuto l’organo sanitario ope legis deputato a decidere.

Redazione Nurse Times

Fonte: www.giustizia-amministrativa.it

Spetta alla Asl e non al MMG l’ultima parola sull’esonero dall’obbligo vaccinale dei sanitari
ULSS 2 autorizza gli infermieri a partecipare alle cene di Natale in famiglia
Gli infermieri vincitori e idonei nelle liste di mobilità scrivono al presidente della Regione Calabria
Manovra, Nursind: “Nessuna mano tesa a infermieri, pronti allo sciopero” 
Infermieri, Nursing Up denuncia “ci avviciniamo a quota 6mila contagi”
L’articolo Spetta alla Asl e non al MMG l’ultima parola sull’esonero dall’obbligo vaccinale dei sanitari scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.