Scende le scale di casa mentre sta telefonando a una collega con uno smartphone di servizio durante l’orario di smartworking. Cade scivolando per mezza rampa mentre parlava e si provoca un paio di fratture. Dopo un lungo braccio di ferro con l’Inail con l’assisentanza della Cgil di Treviso, l’incidente è stato riconosciuto come infortunio sul lavoro.  

Smark working e infortunio sul lavoro: il fatto

La protagonista è una 50enne di Treviso impiegata amministrativa di un’azienda metalmeccanica, , riporta leggo.it. La donna è riuscita a farsi riconoscere, oltre ai giorni di malattia, un risarcimento pari a 20mila euro per il danno biologico, e visite e terapie gratis per i prossimi dieci anni. 

Il dettaglio determinante nella battaglia contro l’Inail sarebbe stato uno: l’impiegata stava parlando al telefono con una collega durante l’orario di lavoro usando il telefono aziendale. 

“È la prima volta che viene riconosciuto un infortunio sul posto di lavoro in modalità smartworking – hanno detto dalla Cgil trevigiana – il ricorso che abbiamo presentato sta facendo scuola. L’Inail ha riconosciuto un nesso di causalità, dimostrando un atteggiamento di grande disponibilità”.

Bettoli:“Trasformare gli OSS in infermieri? Soluzione ideale per risolvere subito la carenza”
Faceva iniezioni per ridurre l’adipe ma provoca necrosi: estetista nei guai
Vaccinazione anti Covid a studenti infermieri: “Anche se il timore avrà più argomenti, scegli la speranza”.
La distribuzione della responsabilità medica nel caso in cui siano coinvolti più operatori del mondo sanitario
Fials: Una goccia nell’oceano i 40 mln che Stato-Regioni destina al personale in prima linea nel 2020
L’articolo Smart working: scivola dalle scale durante il turno, risarcita di 20mila euro per infortunio sul lavoro scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.