Preoccupano i dati che emergono dal monitoraggio della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva. L’approfondimento a cura del presidente Antonino Giarratano.

“Nelle terapie intensive italiane la maggioranza dei ricoverati, “il 95%, non è vaccinata“ contro il coronavirus. Ma “la novità, ora, è che stanno cominciando a crescere i vaccinati fragili, che si sono immunizzati all’inizio della campagna vaccinale, in cui è presumibile un calo della protezione anticorpale“. E che sono messi a rischio “dalla circolazione del virus favorita da quanti non si sono sottoposti al vaccino”. A tracciare questo quadro, per l’Adnkronos Salute, è Antonino Giarratano, neo-presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva (Siaarti).

“Fino a poche settimane fa – spiega ancora Giarratano – nei nostri reparti erano quasi tutti non vaccinati, con un 5% di vaccinati fragili. Nelle ultime due settimane, in diverse aree del Paese, dai dati del nostro sistema di monitoraggio Siaarti, crescono i fragili vaccinati, con differenze regionali che vanno dal 5 al 15%. E cominciamo a vedere anche ‘fragili meno fragili’, ovvero non più il diabetico, scompensato, con problemi polmonari e grande anziano, il cui equilibrio è particolarmente precario. Adesso vediamo anche pazienti che non hanno patologie concomitanti gravi in senso stretto. Parliamo di grandi obesi oppure gravi ipertesi, con un’età dai 48 ai 59 anni. Pazienti che hanno una sola di queste problematiche”.

Per evitare che le persone vulnerabili, nonostante la doppia vaccinazione, vadano incontro a ricoveri, spiega Giarratano, è necessario “vaccinare una percentuale superiore al 90% della popolazione”. E serve farlo su due fronti: “Con la prima dose, a chi non si è mai vaccinato per evitare la circolazione del virus, e con la terza dose per i fragili, anche con una sola patologia a rischio, che hanno fatto la vaccinazione nove-dieci mesi fa, in modo da aumentare la capacità di riposta immunitaria ed evitare che arrivino nelle nostre terapie intensive come sta accadendo”.

Capitolo Green Pass. “Portarne la durata a nove mesi è utile – continua Giarratano –. Ormai è documentato dagli studi più recenti pubblicati che la risposta anticorpale scende dopo un lasso di tempo. E quindi aumenta il rischio che le persone vulnerabili vadano incontro a malattia. Questo lo riscontriamo già nelle nostre terapie intensive dove abbiamo una crescita dei pazienti fragili. La scelta della durata del certificato verde è più politica che tecnica, ma le indicazioni scientifiche possono orientare. Gli unici due studi che abbiamo ci dicono che dopo sei mesi si abbatte del 60% la capacità anticorpale di reagire al virus. In ogni caso dobbiamo sempre tenere presente che ancora non sappiamo tutto su come funziona l’immunità rispetto a questo virus. Acquisiamo sempre più conoscenze ma non sappiamo tutto”.

Conclude il presidente Siaarti: “Personalmente ho fatto la terza dose, ma al momento non so se mi coprirà. Potrebbe darmi un’immunità di sei mesi oppure di due anni. Non lo sappiamo. Abbiamo il dato clinico oggettivo della perdita di capacità di proteggere dal contagio, non dalla malattia grave, dopo sei-nove mesi, e quindi è opportuno fare la terza dose, soprattutto ai fragili, altrimenti riempiamo di nuovo le terapie intensive”.

Redazione Nurse Times

Tumori: sempre più ambiti di applicazione per l’elettrochemioterapia
Discriminazione dei pazienti guariti dal cancro: serve il diritto all’oblio
Reflusso gastroesofageo: sintomi, alimentazione e farmaci 
La farsa sulla stop (transitorio) all’incompatibilità. Carbone (FIALS) “Oltre il danno la beffa”
Coronavirus, Israele anticipa tutti sulla dose booster di vaccino: crollano contagi e decessi
L’articolo Siaarti: “Non vaccinato il 95% dei ricoverati in terapia intensiva” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.