Il video che ha visto protagonisti un agente di Polizia tedesco ed un conducente di furgone è diventato virale nel giro di poche ore sui social network
Il guidatore originario della Repubblica Ceca, intento a riprendere con lo smartphone la vittima di un drammatico incidente stradale, è stato fermato dall’agente della Polizia Stradale Stefan Pfeiffer.
Il pubblico ufficiale ha notato che alcune persone in coda, oltre a rallentare il traffico per “curiosare” morbosamente come spesso purtroppo accade, stavano anche scattando delle foto e video con lo smartphone.
L’agente ha ordinato al conducente del furgone e ad altre persone che stavano scattando selfie presenti su alcune vetture di scendere immediatamente portandoli nei pressi del luogo in cui si trovava il corpo senza vita dell’uomo, invitandoli provocatoriamente a scattare le foto da lì.
Successivamente intervistato, l’agente Pfeiffer ha poi spiegato il suo comportamento: “Queste persone devono essere messe di fronte alla propria inciviltà. Non basta far loro una multa, per quanto salata. L’effetto purtroppo non sarebbe lo stesso. Queste persone devono vergognarsi. E probabilmente non lo faranno mai più.”
 
Simone Gussoni
L’articolo Selfie e video con le vittime dell’incidente: la lezione dell’agente di Polizia è esemplare scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.