Lo “scudo penale” introdotto dal Governo draghi con il Decreto Legge 44 del primo aprile non convince i professionisti sanitari.

Il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, ha parlato di “soluzione minimale” e anche lui ha sottolineato che la soluzione va trovata al di là dell’emergenza: “È ingiusto non considerare le gravissime carenze che ci sono state, anche di carattere organizzativo, che hanno costretto i medici a fare salti mortali per consentire una adeguata assistenza. Abbiamo visto i chirurghi fare gli infettivologi, i medici di famiglia senza strumenti per fare le visite domiciliari”.

“L’obiettivo del Decreto è quello di rassicurare il personale abilitato alla vaccinazione. Ma la norma, seppur condivisibile, a livello tecnico-giuridico non produce effetti. L’atto di vaccinare non è terapeutico-complesso. Se l’operatore rispetta le circolari del Ministero della Salute non risponderebbe anche senza la norma. Forse l’unico effetto è che potrà servire a scrivere meno notizie di reato” ha detto Daniele Piva, Professore Aggregato di Diritto Penale del lavoro dell’Università di Roma Tre, riporta G. Cedrone su sanitainformazione.it.

In particolare, il decreto-legge esclude la responsabilità penale del personale medico e sanitario incaricato della somministrazione del vaccino anti SARS- CoV.2, per i delitti di omicidio colposo e di lesioni personali colpose commessi nel periodo emergenziale, allorché le vaccinazioni siano effettuate in conformità alle indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione all’immissione in commercio e alle relative circolari pubblicate sul sito istituzionale del Ministero della salute.

Secondo Piva l’altro problema è che la norma è temporanea, vale solo nell’esecuzione del piano vaccinale. “Toglierei il limite del riferimento a una situazione emergenziale” ha detto.

Sull’ipotesi di un più ampio “scudo penale” per tutti gli operatori sanitari nell’emergenza
Infermiere muore in un tragico incidente dopo essere smontato dal turno di notte, aveva 45 anni
Scudo penale, per Filippo Anelli è una “soluzione minimale”
Fnopi su manifestazione di Roma contro l’obbligatorietà vaccinale: subito verifiche e massimo rigore degli ordini professionali
Aifa: per Vaccino Pfizer e Moderna intervallo seconda dose fino a 42 giorni
L’articolo Scudo penale, per Filippo Anelli è una “soluzione minimale” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.