Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del sindacato contenente le dichiarazioni del segretario regionale Calogero Coniglio.

Si è
svolto ieri a Palermo l’incontro presso l’assessorato regionale tra una
delegazione della segreteria regionale della Fsi-Usae (Federazione Sindacati Indipendenti, organizzazione
costituente della confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei) e il capo
di gabinetto dell’assessorato regionale alla Salute, Rino Berlinghieri, il consulente per i rapporti sindacali Giuseppe Liberti e Gaspare Noto, componente della segreteria particolare
dell’assessore regionale Ruggero Razza. 

“Tra i
temi trattati, quello delle dotazioni organiche – spiega Calogero
Coniglio, segretario regionale Fsi-Usae Sicilia –. La Fsi-Usae ha chiesto di
poter definire all’inizio anno nuovo, la situazione degli organici, a seguito
della riforma previdenziale con le uscite dei lavoratori per pensioni
anticipate ‘quota 100’. L’obiettivo è di ribilanciare con nuove assunzioni,
garantendo un turn over al fine di non esasperare una situazione degli organici
che per molte realtà è già drammatica, dovendo affrontare gravi carenze di
medici, infermieri, tecnici, ostetrici, fisioterapisti, oss e personale
amministrativo. Sui nulla osta negati a infermieri e personale sanitario per
avvicinarsi a casa per i trasferimenti tra aziende, avevamo chiesto con nota
Prot. n. 4350/07/19 del 23 luglio 2019 l’emanazione di una circolare utile ad
eliminare vincoli e restrizioni alla concessione dei ‘nulla osta’ alla mobilità
verso le province di residenza. Esaustiva la risposta dei dirigenti: con nota Prot.
n. 75506 del 20 novembre l’assessore regionale Ruggero Razza ha inviato una
direttiva ai direttori generali delle 17 aziende sanitarie, ospedaliere,
universitarie, Arnas e Irrcs di concedere i nullaosta a far data della chiusura
delle procedure di mobilità”.  

Continua Coniglio: “Nella
stessa direttiva l’assessore Razza ha dato mandato ai direttori generali delle
aziende capofila a procedere con la celerità ad ultimare nel più breve tempo le
procedure di mobilità e concorso. In riferimento alla nostra richiesta Prot. n.
4364 del 23/10/2019 dove si sollecita la proroga dei contratti a tempo
determinato del Comparto e della Dirigenza in scadenza il 31/12/2019 i vertici
dell’assessorato hanno assicurato che è in itinere la circolare che chiederà ai
direttori generali di prorogare i contratti in attesa dello svolgimento delle
prove concorsuali. Abbiamo sollecitato l’approvazione degli atti aziendali per
poter determinare le nuove dotazioni organiche delle 17 aziende sanitarie
siciliane”.  

E ancora: “In
riferimento all’aggiudicazione della gara regionale per l’affidamento ‘dei
servizi di pulizia, servizi integrati e servizi accessori in ambito sanitario
per gli Enti del Servizio Nazionale’ (decreto n. 2408 del 11/10/2019), abbiamo
chiesto all’assessorato regionale di vigilare affinché vengano rispettate le
clausole sociali necessarie a garantire il rispetto delle condizioni
contrattuali, in particolare le orario di lavoro preesistente e di sicurezza
dei lavoratori dipendenti da società che con il cambio d’appalto saranno
assorbiti dal datore di lavoro subentrante nella suddetta gara. I tre vertici
dell’assessorato hanno garantito che l’assessore Razza chiederà a tal proposito
ai direttori generali di vigilare sulle aziende aggiudicatarie affinché il
servizio mantenga alti gli standard qualitativi”. 

Conclude Coniglio: “La
Fsi-Usae ha inoltre segnalato che con lo scadere del termine degli appalti
riferiti ad attività esternalizzate si mettono a rischio i lavoratori, a tal
fine risulta necessario nel rispetto delle norme vigenti sottoporre al
confronto sindacale atti e decisioni sul caso, considerata l’esigenza nelle UU.OO.
La nostra proposta iniziale è di bandire avvisi pubblici per assunzioni a tempo
determinato per oss in attesa di espletare le procedure concorsuali. Abbiamo
chiesto nuovamente controlli ispettivi sulle strutture sanitarie private per
verificare che vengano rispettate le normative di sicurezza e di salute dei lavoratori,
degli organici e dei Ccnl. Giungono a questa organizzazione, sindacali
segnalazioni contrastanti. La replica dei dirigenti è che l’assessore ha già
provveduto e si impegna, se serve, a continuare sull’attività ispettiva
nell’interesse di lavoratori e pazienti. La lunga riunione si è conclusa per
riaggiornarsi nel prossimo incontro”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Sanità Sicilia, incontro tra Fsi-Usae e l’assessore Razza: i temi trattati scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.