È accaduto all’ospedale Floreasca di Bucarest. L’incidente è stato causato dall’uso del bisturi elettrico dopo la disinfezione con una soluzione alcolica.

Una triste vicenda, risalente
al 22 dicembre scorso, è venuta alla luce in questi giorni grazie alla denuncia
del ministero della Salute romeno. È la vicenda di una 66enne, malata di tumore
al pancreas e morta dopo aver preso fuoco nel corso di un intervento chirurgico
all’ospedale Floreasca di Bucarest.

La donna ha lottato per una
settimana, tra atroci sofferenze, ma alla fine si è dovuta arrendere: troppo
gravi le ustioni presenti sul 40 percento del suo corpo. Si è trattato di un
errore medico. I sanitari che la stavano operando l’anno infatti disinfettata con una soluzione a base di alcol, per poi usare un
bisturi elettrico. Ciò ha fatto sì che le fiamme divampassero immediatamente,
avvolgendo la paziente.

Il caso ha acceso nuovamente i riflettori sulle condizioni del sistema sanitario romeno, già in passato al centro di scandali, spesso dovuti alla mancanza di risorse, equipaggiamenti e medici. Il deputato Emanuel Ungureanu ha così commentato su Facebook: “Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia e dico pubblicamente che combatterò per scoprire la verità e punire i responsabili! La verità verrà fuori. Userò tutto il potere conferitomi dai cittadini affinché i pazienti in Romania siano trattati con rispetto, insieme ai medici che fanno il loro dovere! La paziente è stata avvolta dalle fiamme come una torcia per pochi secondi, prima che un’infermiera lanciasse una ciotola d’acqua sul tavolo operatorio”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Romania, donna muore dopo aver preso fuoco durante un intervento chirurgico scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.