Le mammografie di routine possono fornire informazioni chiave per le malattie cardiovascolari. Il rilevamento di calcificazioni arteriose nelle mammografie è associato a un rischio più elevato di malattie cardiovascolari nelle donne in postmenopausa, secondo una nuova ricerca pubblicata su  Circulation: Cardiovascular Imaging (American Heart Association).

Questa scoperta può essere utile per aiutare a determinare il rischio delle donne di malattie cardiache e ictus, secondo gli autori dello studio.

La calcificazione arteriosa del seno, accumulo di calcio all’interno dello strato intermedio della parete arteriosa del seno, è correlata all’invecchiamento, al diabete di tipo 2, all’ipertensione e all’infiammazione ed è un marker di irrigidimento delle arterie.

 Non è la stessa cosa della calcificazione dello strato interno delle arterie (lo strato a contatto con il sangue), che si trova tipicamente nelle persone che fumano o in quelle con livelli di colesterolo alti. 

La calcificazione arteriosa del seno è un reperto comune, che si presenta come aree bianche nelle arterie del seno su una mammografia; tuttavia, non si pensa che sia correlata al cancro.

“In uno studio precedente di questo stesso gruppo di ricerca, abbiamo riportato che tra le donne di età compresa tra i 60 e i 79 anni, il 26% presentava calcificazioni arteriose al seno, e la percentuale aumentava con l’età fino ad arrivare a più della metà delle donne che presentavano evidenze del reperto tra i 75 e i 79 anni” dichiara l’autore principale dello studio, Carlos Iribarren, ricercatore presso la Kaiser Permanente Northern California Division of Research di Oakland, California.

“Le ricerche hanno confermato che i calcoli attualmente utilizzati per valutare il rischio decennale di sviluppare malattie cardiovascolari non sono così accurati nelle donne come negli uomini. Nel nostro studio attuale abbiamo valutato se la calcificazione arteriosa del seno, facilmente visibile con una mammografia, fornisca maggiori informazioni sul rischio di una donna di sviluppare malattie cardiache”.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di un sottoinsieme di oltre 5.000 donne selezionate tra le oltre 200.000, che si sono sottoposte a mammografie di screening nell’ambito del MINERVA (MultIethNic study of brEast aRterial calcium gradation and cardioVAscular disease), un’ampia coorte di donne in postmenopausa di razza ed etnia diversa.

Le partecipanti all’attuale studio erano attivamente iscritte allo stesso piano di assicurazione sanitaria, avevano un’età compresa tra i 60 e i 79 anni e hanno ricevuto almeno uno screening regolare con mammografia digitale presso una delle nove strutture di Kaiser Permanente of Northern California tra il 24 ottobre 2012 e il 13 febbraio 2015. Le donne non avevano precedenti di malattie cardiovascolari o di cancro al seno. I ricercatori hanno valutato lo stato di salute generale delle donne e le hanno seguite attraverso le loro cartelle cliniche elettroniche per circa 6,5 anni dopo la mammografia per scoprire quali avessero avuto un infarto o un ictus o avessero sviluppato altri tipi di malattie cardiovascolari, come l’insufficienza cardiaca.

L’analisi ha rilevato che:

Le donne che presentavano calcificazioni arteriose al seno nella mammografia avevano il 51% di probabilità in più di sviluppare malattie cardiache o ictus rispetto alle donne che non avevano calcificazioni arteriose al seno.Le donne con calcificazioni arteriose al seno avevano il 23% di probabilità in più di sviluppare qualsiasi tipo di malattia cardiovascolare, comprese le malattie cardiache, l’ictus, l’insufficienza cardiaca e le malattie delle arterie periferiche.La calcificazione arteriosa del seno era più diffusa tra le donne che si auto-identificavano come bianche o ispaniche/latine, e meno probabile tra le donne che si auto-identificavano come nere o asiatiche. Iribarren e colleghi hanno osservato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere questi risultati.“Attualmente, non è lo standard di cura per la segnalazione delle calcificazioni arteriose del seno visibili sulla mammografia. Alcuni radiologi includono questa informazione nei loro referti mammografici, ma non è obbligatorio- prosegue Iribarren- Speriamo che il nostro studio incoraggi un aggiornamento delle linee guida per la segnalazione delle calcificazioni arteriose del seno nelle mammografie di routine. Il nostro studio ha spostato l’ago della bilancia verso la raccomandazione della valutazione e della segnalazione di routine delle calcificazioni arteriose del seno nelle donne in postmenopausa”. 

Iribarren sottoline che non ci sarebbero costi aggiuntivi o esposizione alle radiazioni per le donne, perché la U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF) raccomanda alle donne di età compresa tra i 50 e i 74 anni di sottoporsi a una mammografia ogni due anni; per le donne di età compresa tra i 40 e i 49 anni, la mammografia può essere presa in considerazione per la diagnosi precoce del tumore al seno in base ai rischi individuali e come consigliato dal medico.

Tra i limiti dello studio, questi risultati potrebbero non essere generalizzabili alle donne, che non hanno un’assicurazione sanitaria o alle donne di età inferiore ai 60 anni. Iribarren prevede di includere le donne di età inferiore ai 60 anni in ricerche future.

Redazione NurseTimes

A Grosseto nasce l’infermiere paramedico in farmacia che cura l’igiene e pulizia a domicilio
Mestruazioni, si può fare sport durante il ciclo?
Speranza: si all’inserimento di infermieri medici e oss del pronto soccorso tra i lavori usuranti 
Coronavirus, un cerotto per rilevare gli anticorpi: addio al tampone?
Fiaso: “Dal 2010 nel SSN 40.000 medici e infermieri in meno”
L’articolo Rischio cardiovascolare e ictus, un campanello d’allarme arriva dalla mammografia scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.