Cos’è e come funziona il servizio gestito dall’Inps per valorizzare nella pensione il periodo del proprio corso di studi.

Trasformare gli anni di università in anni di contributi per la pensione per anticipare l’età di uscita dal mondo del lavoro e aumentare l’importo dell’assegno. È l’obiettivo del riscatto della laurea, un servizio gestito dall’Inps per valorizzare nella pensione il periodo del proprio corso di studi.

Cos’è il riscatto della laurea? – Riscattare gli anni di laurea significa poter uscire prima dal mondo del lavoro, valorizzando gli anni degli studi universitari a fini pensionistici, senza limiti di età e obbligo di iscrizione all’assicurazione generale. Nella pratica si tratta di versare una determinata somma allo Stato per equiparare, a livello contributivo, il periodo di studio universitario a quello lavorativo. Questa particolare contribuzione può consentire sia di raggiungere prima la pensione sia per incrementarne l’importo.

La somma da pagare cambia in base alle norme che disciplinano la liquidazione della pensione con il sistema retributivo o con quello contributivo, tenuto conto della collocazione temporale dei periodi di studio. La condizione necessaria per richiedere il riscatto è aver conseguito il titolo di studio. Non si possono riscattare i periodi fuori corso né quelli già coperti da contribuzione obbligatoria.

L’effettiva convenienza economica del riscatto della laura dipende da molti fattori, quali l’età, gli anni e l’ammontare della contribuzione già versata al sistema previdenziale. I tanti parametri da prendere in considerazione rendono difficile fare un esempio valido per tutti i casi. Per capire quanto possa essere conveniente o meno il riscatto è quindi necessario effettuare una simulazione tramite il sito dell’Inps o attraverso i Centri di assistenza fiscale (Caf).

Cosa si può riscattare? – Si possono riscattare i periodi corrispondenti alla durata dei corsi di studio universitario, conclusi con il conseguimento di uno o più titoli di studio, rilasciati dalle università o da istituti di livello universitario, tra cui:

diplomi universitari (corsi di durata non inferiore a due anni e non superiore a tre);diplomi di laurea (corsi di durata non inferiore a quattro anni e non superiore a sei);diplomi di specializzazione, che si conseguono successivamente alla laurea e al termine di un corso di durata non inferiore a due anni;dottorati di ricerca i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge;laurea triennale, laurea specialistica e laurea magistrale;diplomi rilasciati dagli Istituti di alta formazione artistica e musicale.Sono invece esclusi:

gli anni fuori corso;i periodi già coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa oppure da riscatto già chiesto ad altri regimi previdenziali;i diplomi di laurea conseguiti in università estere non riconosciute in Italia.Come funziona il riscatto della laurea? – Riscattare gli anni di laurea è sempre stato molto oneroso. Infatti, la somma da versare allo stato è di solito pari ad alcune migliaia di euro, sia per le lavoratrici e i lavoratori autonomi, sia per quelli dipendenti.

Tuttavia, dal 2019 è stata introdotta una modalità alternativa, chiamata riscatto agevolato, che abbassa notevolmente i costi previsti. Inizialmente, il nuovo meccanismo si applicava solo agli anni di studi universitari a partire dal primo gennaio 1996, cioè con l’introduzione del sistema pensionistico contributivo. Ma l’Inps ha cambiato questa distinzione a gennaio 2020, chiarendo come possano accedere al sistema agevolato anche le persone laureato prima del 1996, con anni di versamento sistema retributivo.

Come fare domanda? – La domanda può essere presentata esclusivamente attraverso questi canali:

sul sito di Inps, con il seguente percorso: “Prestazioni e servizi”, “Servizi”, “Portale riscatti -ricongiunzioni” (con accesso tramite Sistema pubblico di identità digitale, Carta nazionale dei servizi oppure Carta d’identità elettronica);attraverso i patronati e gli intermediari dell’Inps;attraverso il Contact center multicanale dell’Inps, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico.Quanto costa il riscatto della laurea? – Se non si può fare domanda per il riscatto agevolato, ma unicamente con il sistema tradizionale, l’aliquota per il calcolo della somma da pagare, si applica alla retribuzione lorda percepita negli ultimi dodici mesi di attività lavorativa. Con il sistema agevolato, invece, l’aliquota viene applicata al cosiddetto minimale retributivo degli artigiani e commercianti.

Per fare un esempio della differenza di spese tra i due sistemi, un anno di corso di laurea riscattato con il sistema agevolato può costare circa 5mila euro, contro i circa 13mila del sistema tradizionale, ipotizzando una retribuzione annua lorda di 40mila euro. Ogni anno di riscatto del corso di laurea è rateizzabile, senza interessi, in dieci anni e la cifra è deducibile nella dichiarazione dei redditi.

Redazione Nurse Times

Fonte: Wired

Milano, eseguita prima procedura teleguidata per impianto di defibrillatore con smart glasses
Operatore sanitario del 118 di Melfi fermato dalla polizia con materiale ospedaliero
Ivrea, caos in Pediatria: acceso diverbio tra medico e papà di una bimba
Riscatto della laurea: tutto quello che c’è da sapere
Coronavirus, studio israeliano: “Quarta dose di vaccino protegge da contagio”
L’articolo Riscatto della laurea: tutto quello che c’è da sapere scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.