FIALS: le proiezioni economiche ARAN necessitano di analisi approfondite. Faremo le nostre proposte a rialzo. Soddisfatti per l’accoglimento delle nostre proposte

Una trattativa complessa quella del 4 febbraio per il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro (CCNL) per i circa 550 mila dipendenti del comparto sanità. 

L’ARAN ha dato informativa sul quadro finanziario, relativo alle risorse disponibili per finanziare il CCNL in discussione con le relative proiezioni. 

Un aumento contrattuale di 102 euro lordi per 13 mensilità, a cui si aggiungerà il sistema di classificazione, le indennità specifiche e le indennità accessorie per i diversi profili professionali, secondo la stima ARAN, importi anche significativamente superiori.

“Nelle prossime ore analizzeremo con specificità per poter esprimere nel dettaglio un giudizio di merito e fare ulteriori proposte, proposte migliorative” questo il commento a caldo della segreteria nazionale della FIALS. 

Nella stessa trattativa la FIALS ha sollecitato l’ARAN a rivedere le proprie proposte rispetto gli altri istituti contrattuali, chiesto l’istituzione di un terzo fondo specifico ed esclusivo per gli incarichi di funzione ed infine ha valutato positivamente il riconoscimento dell’incarico professionale a tutta l’area dei professionisti e dei funzionari al pari della dirigenza e sia all’affidamento degli incarichi anche al personale a tempo parziale, “sono state accolte le nostra proposta” conclude la segreteria FIALS.

Il prossimo incontro è stato fissato in data 10 febbraio 2022.

Nursing Up

Sanità, Nursing Up: a pochi giorni dalla proclamazione del nostro sciopero arriva l’apertura, da parte dell’Aran, per i tanto attesi incarichi di funzione per i professionisti della salute. Sembrano aprirsi le porte, perché ci sono state annunciate, alle progressioni di carriera per gli infermieri e sanitari. Dal canto nostro, purtroppo, il singolare ricorso alle medie aritmetiche non scioglie i forti dubbi sulla parte economica.

ROMA 4 FEBB 2022 – A pochi giorni di distanza dalla proclamazione ufficiale del nostro sciopero, previsto per il prossimo 8 aprile, apprendiamo con soddisfazione, da parte dell’ARAN, nel delicato percorso della trattativa contrattuale, la tanto attesa decisione di lavorare per dare riscontro positivo all’ assegnazione di  incarichi di funzione ai professionisti  della salute (sul modello di quanto accade già per la dirigenza medica). Stiamo parlando di incarichi che “dovrebbero” arrivare per i professionisti, indipendentemente dalla discrezionalità aziendale, o per lo meno è questo ciò che aspettiamo.

Un passaggio che, se confermato, possiamo definire decisivo, dal momento che finalmente, come da noi richiesto sin dalla piattaforma che presentammo ad inizio delle  trattative , si assegnerebbero, ma ripetiamo che il condizionale è d’obbligo fino al termine di questa querelle, incarichi di funzione, sulla via di quanto accade per i medici, e che costituirebbero un concreto riconoscimento, in questo caso della professionalità e dell’alta qualificazione degli infermieri e delle altre professioni sanitarie, e ciò dovrebbe realizzarsi indipendentemente dal possesso di titoli di studio, che invece potranno essere valorizzati differentemente.  

Siamo di fronte, come negarlo, ad una evoluzione, in questa complessa trattativa, legata all’indispensabile percorso di valorizzazione degli infermieri, che rappresenta uno dei leit motiv assoluti delle nostre battaglie, bisogna ancora approfondire alcuni importanti aspetti della parte economica. 

Il secondo punto fondamentale di questa giornata di trattative è l’avvenuta apertura da parte dell’ARAN, anche qui a distanza di un giorno dalla proclamazione del nostro sciopero, alla nostra richiesta di prevedere meccanismi alternativi rispetto a quelli ipotizzati nella precedente bozza, che consentano una reale  progressione di carriera proprio per quegli infermieri e gli altri operatori sanitari che, inseriti nell’area D, resterebbero confinati a tale livello, mentre tutti gli altri potrebbero, secondo le bozze sottoposte precedentemente, muoversi tra le fasce sottostanti.  

Quanto sopra, oggetto di nostre specifiche richieste  e contestazioni (si leggano i nostri precedenti comunicati) è riuscito a coagulare l’attenzione di tutte le  OO.SS. presenti al tavolo. Siamo ben felici di cominciare a vedere concretizzati i nostri sforzi. Iniziamo a vedere la luce in fondo al tunnel, anche se con riserva di leggere come verrà declinato per iscritto,  quello che ci è stato indicato solo oralmente.

«Cominciamo ad arrivare le risposte alle nostre richieste, sulla strada della valorizzazione delle categorie sanitarie , non c’è dubbio, esordisce soddisfatto il Presidente del Nursing Up, Antonio De Palma. Da una parte l’assegnazione degli incarichi di funzione  e la previsione di un percorso di evoluzione nell’area D per i sanitari che rischiano di restare bloccati a tale livello, che rappresenta finalmente il segnale della concreta volontà di abbattere le storiche sperequazioni che esistono con il personale medico. Dall’altra il dare finalmente un senso alla creazione di un vero e proprio Ruolo infermieristico e sanitario, per il quale ci siamo tanto battuti, e che rappresenta  un aspetto importante di quanto l’ARAN sembra aver accolto,  legato al riconoscimento del ruolo contrattuale degli infermieri».

Ancora dubbi per quanto riguarda il metodo di calcolo dei nuovi stipendi. Ci è stato anticipato verbalmente – ma attendiamo ancora di avere i documenti alla mano che lo confermino – un “aumento medio di 102 euro mensili” moltiplicato per 13 mensilità. L’elemento perequativo pesa circa 14 euro. A tale aumento medio di cui parla l’ARAN, che si suppone sia destinato a tutti i dipendenti del comparto,  andrebbero poi aggiunti:

– una percentuale dello 0,55/ monte salari, a seguito degli stanziamenti della legge di bilancio 2022, destinata ai nuovi ordinamenti contrattuali ( percentuale che, tuttavia, necessita ancora di uno specifico atto di indirizzo ) 

– una percentuale dello 0.22 /monte salari,  a seguito degli stanziamenti della legge di bilancio 2022, destinata ai  fondi (percentuale che, tuttavia, necessita di specifico atto di indirizzo ) 

– l’indennità di specificità infermieristica

– l’indennità di tutela del malato (per le altre professioni sanitarie)

– l’indennità per il personale dei pronto soccorsi

Il totale di tutte queste voci, sempre secondo l’ARAN, porterebbe ad un aumento medio, complessivo di euro 174 euro mensili.

Tuttavia, proprio riguardo alla singolarità del metodo utilizzato, un punto di riflessione è d’obbligo. In particolare , ai fini della media effettuata sulla base del cumulo, tra loro, di risorse destinate alla generalità dei dipendenti con quelle, invece, destinate esclusivamente a specifiche categorie. 

Insomma, è evidente che tutti possono maneggiare le medie matematiche a seconda dei casi, così come è noto a tutti che i risultati di tali medie dipendano proprio dai valori numerici considerati, che possono spostare percentuali verso l’alto, o verso il basso, in base a come torna più utile far risultare.

Ciò posto, chi vuole usare la media aritmetica per avere la mera soddisfazione di alzare la percentuale verso l’alto lo faccia pure, ma resta il fatto che senza congrue risorse aggiuntive gli stipendi non cresceranno! E’ evidente che, per le professioni sanitarie, l’aumento di stipendio rispetto agli altri dipendenti  del comparto, sarà dovuto esclusivamente alle tre indennità specifiche create da leggi pregresse, quindi non dal contratto in discussione, che invece ha l’unico scopo di distribuirle, e che quindi non andrebbero considerate tra i valori numerici che fanno la media.

Alla fine dei giochi, sempre con riserva di doverosi approfondimenti, a noi pare che, tolte le indennità specifiche degli infermieri, si torna ad un aumento generalizzato di 102 euro medi al mese per 13, e che le esigue risorse aggiuntive previste dalla legge di bilancio 2022 (che però necessitano ancora di atti di indirizzo), non potranno che incrementare il predetto importo di 102 euro medi mensili soltanto di pochi euro . 

Positivo il fatto che, l’Aran parrebbe disposta a convogliare, ma anche questo potremo confermarlo solo quando avremo documenti scritti alla mano, la maggior parte delle risorse del contratto sul trattamento fondamentale , lasciando solo lo 0,22% su quello variabile.

In questo senso, e sulla scia di tale apertura, noi di Nursing Up abbiamo chiesto che , per quanto attiene alla quota dello 0.22% vadano comunque riviste le indennità, in un discorso di equilibrio e compensazione tra le stesse, privilegiando maggiormente le indennità legate alle condizioni di lavoro che richiedono maggiori responsabilità e/o impegno come, solo come esempio, ‘indennità oraria notturna (si pensi agli inqualificabili 26 centesimi di aumento ipotizzati), e quella di pronta disponibilità  (poco meno di 1 euro) etc. etc.

Abbiamo ribadito, inoltre, quanto già richiesto in occasione della precedente seduta, e cioè di eliminare quella norma ipotizzata, e che purtroppo ci portiamo quasi come una infausta eredità dal  precedente contratto, che consente di non retribuire lo straordinario a chi è assegnatario di una indennità per alcune tipologie di incarico. Non possiamo accettare il gioco di chi ci concede una cosa per togliercene un’altra. Lo straordinario è un istituto importante per le professioni sanitarie, e questo metodo può diventare estremamente anti economico per i dipendenti interessati.

«In conclusione, dice De Palma, potremmo trovarci di fronte a un notevole passo in avanti rispetto al recente passato. Finalmente sembrano arrivare risposte concrete alle nostre richieste. Il nostro impegno profuso, le nostre battaglie per il bene degli infermieri cominciano ad assumere un senso agli occhi di chi, con il nuovo contratto, è chiamato a decidere del nostro futuro.  Non possiamo che attendere di verificare che tutto quello che ci è stato annunciato oralmente abbia un concreto seguito, con le ovvie riserve sulla parte economica. Su queste basi abbiamo confermato che siamo pronti al confronto. Nel frattempo, tutto ciò di cui si è parlato al tavolo dovrà tradursi in norme scritte, che siano in grado di sancire ciò che noi chiediamo, e quindi un contratto idoneo a porre le basi per una nuova storia degli infermieri e dei professionisti sanitari italiani». 

Cgil Cisl e Uil

Nella giornata odierna la trattativa ha avuto avvio con una informativa – fornita dall’ARAN – sulle risorse disponibili per il finanziamento del rinnovo contrattuale ed è proseguita con un aggiornamento relativo agli articolati proposti dall’Agenzia sull’ordinamento e sul sistema degli incarichi.

Venendo al primo punto, l’ARAN ha comunicato le risorse disponibili per il rinnovo del contratto che ha quantificato nella misura complessiva di € 1.690,42 milioni, composto dai finanziamenti appositamente stanziati per il rinnovo del CCNL (pari a € 1.015,57 Mln), dalle ulteriori risorse con cui le leggi di bilancio hanno incrementato le disponibilità del contratto per le ulteriori indennità (specifica per gli infermieri, pari ad € 335 Mln, per la tutela del malato, pari ad € 100 Mln, e per il personale che opera nei servizi di pronto soccorso, pari a € 63 Mln), oltre a quelle per la revisione dell’ordinamento (pari ad € 127,57 Mln) e per il superamento del limite del salario accessorio di cui all’art. 23 comma 2 del d. lgs. 75/2017 (pari ad € 49,28 Mln).

Al netto di una verifica puntuale, in particolare su quanto ipotizzato come valore complessivo per il superamento del limite del salario accessorio, la riparametrazione della sola quota di € 1.015,57 si tradurrebbe, secondo quanto comunicato da Aran, in un cifra media superiore ai cento euro, a cui saranno sommate le altre risorse, sia a titolo indennitario sia per la parte relativa al salario accessorio e finanziamento dedicato al sistema di classificazione, determinando così importi che – sempre secondo le proiezioni di Aran – potrebbero essere anche in qualche caso significativamente superiori.

Si tratta, è bene sottolinearlo con precisione, di una prima proiezione che ci è stata comunicata da Aran, che fotografa una media che si tradurrà in una forbice piuttosto ampia negli aumenti funzione ai diversi profili ed alle specifiche indennità che sono complessivamente assegnate al contratto, alla stabilizzazione definitiva degli attuali importi attribuiti come elemento perequativo, all’ utilizzo che la contrattazione farà delle risorse stanziate.

E’ evidente quindi, che una valutazione di merito potrà essere fatta solo dopo la consegna, da parte di Aran, di tabelle che dettaglino con precisione la prima proiezione comunicata oggi, chiedendo a tutte e a tutti di valutare con cautela eventuali notizie di stampa che dovessero fornire una quadro di aumenti già definito quando, al contrario, la trattativa, pur nell’ambito di una positiva evoluzione, non è ancora entrata nella sua fase conclusiva cosa che auspichiamo possa avvenire rapidamente.

Per quanto riguarda gli articolati sull’ordinamento e sul sistema degli incarichi abbiamo colto il positivo riscontro che l’ARAN sta riservando ad alcune nostre proposte unitarie, che abbiamo già avanzato negli incontri precedenti e ribadito anche oggi, tra le quali:

• L’attribuzione di un incarico a tutto il personale dell’area dei professionisti della salute e dei funzionari, al pari di quanto previsto per l’area dell’elevata qualificazione;

• l’armonizzazione della proposta di revisione del sistema degli incarichi presentata con il percorso già avviato con la tornata contrattuale 2016-2018 ed in particolare con gli attuali incarichi di organizzazione, coordinamento, specialisti, esperti;

• l’inclusione, per l’attribuzione degli incarichi, anche del personale in regime di lavoro a tempo parziale.

• la necessità di considerare diversamente quanto oggi previsto per lo straordinario effettuato dai titolari di incarico.

Nel restare in attesa che quanto anticipato oggi dall’ARAN si concretizzi in tangibili modifiche agli articolati, il prossimo incontro è stato fissato per il 10 febbraio p.v.

Redazione Nurse Times

Rinnovo contratto infermieri: la posizione di Fials – Nursing Up – Cgil Cisl e Uil
ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti: concorso pubblico per 45 infermieri. Gruppo Telegram
Andreula (Opi Bari) sul rinnovo contrattuale degli infermieri: “Chi si lamenta lo fa con colpevole ritardo”
Ordinanza Tribunale di Trani “infermiera No Vax resta sospesa non può svolgere altre mansioni”. Commento di Mauro Di Fresco
Contratto: infermieri non più ingabbiati nella fascia D, possibilità di carriera così come accade per i medici
L’articolo Rinnovo contratto infermieri: la posizione di Fials – Nursing Up – Cgil Cisl e Uil scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.