Nuovo CCNL Comparto Sanità. L’ARAN non ancora riconosce economicamente le responsabilità e  professionalità degli Infermieri e Professioni Sanitarie

Leggendo su alcuni quotidiani il confronto che c’è stato tra le dichiarazioni da parte del Presidente ARAN Naddeo ed il Sindacato Nursing Up, il Coina vuole evidenziare che l’Aran sta facendo di tutta l’erba un fascio, cercando con forza di portare l’acqua al proprio mulino. 

Il Presidente Aran Naddeo afferma che l’indennità infermieristica rientra nel CCNL del Comparto Sanità Pubblica, ma non potrebbe essere diverso. Quello che il Presidente Aran omette e non ne campiamo il motivo, è che l’indennità di specificità è frutto di una lotta attraverso la manifestazione del 15 ottobre 2020, organizzata dal Nursing Up a cui ha aderito il Coina, con la partecipazione di migliaia di infermieri, per chiedere finalmente di valorizzare la professione. 

A seguito di quella manifestazione e al successivo sciopero del 2 novembre 2020, furono stanziati nella legge di bilancio del 2021, 335 milioni di euro per l’indennità di specificità infermieristica, a cui fece seguito quella per gli altri operatori sanitari per circa 100 milioni. 

Il governo decise di legarla sì al rinnovo contrattuale della sanità pubblica a decorrere dal 1 gennaio 2021, ma che questa si sarebbe aggiunta a quanto il rinnovo contrattuale avrebbe dovuto valorizzare gli infermieri e le professioni sanitarie. 

Vogliamo far presente che l’ARAN, oltre a non prevedere una reale valorizzazione degli infermieri, vuole far propria quella indennità di specificità che il Coina e Nursing Up hanno ottenuto sul campo, affermando che gli infermieri avranno circa 200€ di aumento contrattuale, omettendo però che circa 75€ sono dovute alle battaglie sul campo e non certo per merito della trattativa. 

Inoltre alla richiesta di prevedere un incarico professionale di base per gli infermieri e professioni sanitarie, l’Aran, su richiesta dei confederati, ha deciso di estenderlo a tutti i lavoratori, ma da quello che emerge sembrerebbe che gli infermieri tale incarico se lo pagheranno da soli, visto che tale incarico assorbirà altre indennità.

Questa è forse la goccia che fa traboccare il vaso. L’Aran in questi mesi non ha fatto altro che “spogliare un altare, per vestirne un altro”, conteggiando soldi già destinati agli infermieri, invece di dare una vera valorizzazione della Professione. 

Se pensiamo che nella bozza del contratto del comparto, riferendosi agli infermieri, si parlava di Professione scelta per missione e vocazione, specificando che gli infermieri (professione autonoma) affiancano i medici, la dice tutta sulla considerazione che si ha della categoria da parte dell’Aran. 

Ed infatti nella bozza di contratto l’Aran ha previsto: 

mantenimento dell’esclusività per le Professioni Sanitarie, creando di fatto una disparità di trattamento con gli altri Esercenti le Professioni Sanitarie, ad esempio i Medici, senza prevedere un minimo indennizzo, ma mantenendo tutti gli obblighi di legge a partire dagli Ecm, di stipulare una polizza Rc Professionale e l’equiparazione delle responsabilità di tutte le Professioni sanitarie della Legge Gelli-Bianco;aumentata l’indennità oraria notturna, ma viene ridotta l’indennità su turni, che di fatto viene pagata dagli stessi infermieri;l”indennità di malattie infettive viene trasformata in indennità mensile fissa, penalizzando alcuni lavoratori che percepiranno di meno ed inoltre la cifra di 90€ è per tutte le Aree, indistintamente dalle responsabilità e competenze;straordinari non più legati al livello di retribuzione, ma attraverso una media ponderata, con un aumento del 15% sulla quota ordinaria, eliminando le altre 2 maggiorazioni del 30 e 50%, penalizzando chi è obbligato a svolgere straordinari, come ad esempio le Pronte Disponibilità, spesso utilizzate illecitamente per sopperire a carenze organiche croniche;l’indennità di Pronta Disponibilità introdotta con il DPR n. 270 del 1987 che prevedeva una cifra iniziale di 40 mila lire nel lontano 1990 (20,6€), ad oggi viene aumentata a 21,6€ (1,8€/ora), quindi senza mai essere rivalutata come indicato dal legislatore, ma peggiorativa, perché calcolata ad ore senza nessuna maggiorazione nel caso di turno inferiori a 12 ore;eliminazione del termine ‘di norma’ nel numero massimo di reperibilità, ma al prezzo di un aumento delle stesse, fissando come limite massimo il numero di 10.  E altro ancora.Appare evidente che questa risposta polemica del Presidente Aran Naddeo è frutto di chi sa, che tali risorse non sono state destinate per il Contratto, ma inserite nel Contratto, grazie alle lotte del Nursing Up e Coina quando sono scesi in piazza e questo deve essere messo nero su bianco e non trarsene vantaggio. 

Speriamo che anche questa volta non si perda la possibilità di riconoscere finalmente le responsabilità, ma soprattutto la professionalità di infermieri e professioni sanitarie, con un adeguato riconoscimento economico. 

Redazione Nurse Times

Ucraina: appello per la pace da infermieri, medici, Oss e da tutti gli operatori sanitari italiani
Guerra in Ucraina: Operazioni militari devastanti per i bambini
Rinnovo contratto. Coina “riconoscere economicamente la responsabilità e professionalità degli infermieri”
Ucraina, a Dnipro neonati portati in un rifugio antiaereo con le infermiere che li accudiscono
Stati Generali degli infermieri: la Fnopi indica le modalità di partecipazione
L’articolo Rinnovo contratto. Coina “riconoscere economicamente la responsabilità e professionalità degli infermieri” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.