Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all’utilizzo quotidiano della mascherina, o addirittura si rifiutavano di indossarla dando il via alla categoria di coloro che venivano chiamati no-mask.

Negli ultimi tempi invece abbiamo insistentemente parlare di no-vax, coloro che rifiutano i vaccini sostenendo che siano dei medicinali pericolosi per la salute o strumenti alla base di piani per controllare le persone, andando ad alimentare teorie del complotto.

Successivamente abbiamo sentito parlare dei no-green pass, coloro che ritengono la certificazione uno strumento di segregazione e controllo sociale. Ed ecco che adesso arrivano i no-tamp, termine utilizzato per identificare la categoria di persone che rifiutano di sottoporsi a tampone antigenico o molecolare per evitare di incorrere in provvedimenti di quarantena e isolamento in caso di positività.

Molti infatti temono di dover rinunciare al lavoro, o ancor più a viaggi o giorni di ferie e per questo evitano di sottoporsi al test.

Attendiamo con curiosità la prossima novità.

Ultimi articoli pubblicati

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze
CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi
Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività
Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?
Ministero della Salute: Equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi

L’articolo Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp? scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.