A un anno di distanza, un nuovo studio ha dimostrato, che la maggior parte dei pazienti dimessi dall’ospedale, dopo aver subito una grave infezione da COVID-19 sembra tornare in piena salute, ma un paziente su tre ha ancora alterazioni polmonari.

Lo studio è stato pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine. I ricercatori dell’Università di Southampton hanno lavorato con collaboratori a Wuhan, in Cina, per indagare sul recupero dalla polmonite grave da Covid-19 fino a un anno dopo il ricovero.

Nello studio sono stati coinvolti 83 pazienti dimessi dall’ospedale dopo aver avuto gravi conseguenze a seguito dell’infezione da Covid.19 e seguiti per 12 mesi. In ogni momento sono stati sottoposti a valutazione clinica e misurazioni del funzionamento dei polmoni, una TAC del torace per scattare una foto dei polmoni e un test del cammino. Nell’arco di 12 mesi nella maggior parte dei pazienti si è verificato un miglioramento dei sintomi, della capacità di esercizio e dei cambiamenti CT correlati a Covid-19. Entro 12 mesi la maggior parte dei pazienti sembrava essersi completamente ripresa, sebbene circa il 5% dei pazienti riferisse ancora di mancanza di respiro. Un terzo delle misurazioni della funzione polmonare dei pazienti era ancora ridotto – in particolare l’efficienza con cui l’ossigeno viene trasferito dai polmoni al sangue – e questo è stato riscontrato più frequentemente nelle donne che negli uomini. In circa un quarto dei pazienti le scansioni TC hanno mostrato che c’erano ancora piccole aree di cambiamento nei polmoni, e questo era più comune nei pazienti con alterazioni polmonari più gravi al momento del ricovero.

Mark Jones, professore associato in medicina respiratoria presso l’Università di Southampton e NIHR Southampton Biomedical Research Center, che ha co-condotto lo studio, ha affermato che “la maggior parte dei pazienti con polmonite COVID-19 grave sembrava guarire completamente, sebbene per alcuni pazienti ciò richiedesse molti mesi. Le donne avevano maggiori probabilità di avere riduzioni persistenti nei test di funzionalità polmonare e sono necessarie ulteriori indagini per capire se c’è una differenza specifica per sesso nel modo in cui il paziente guarisce. Inoltre non sappiamo ancora cosa succede oltre i 12 mesi e questo sarà necessario studio in corso”.

I ricercatori hanno riconosciuto che questo studio ha coinvolto solo un piccolo numero di pazienti e i risultati richiederanno la conferma in ulteriori studi, tuttavia hanno identificato una serie di importanti implicazioni.

“Domani arriverà” la realtà degli infermieri italiani nella pandemia
Cancro polmonare e immunoterapia: lo studio
Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza
Tirocinante riceve per errore 6 dosi di vaccino anti Covid-19: ricoverata in osservazione
La coppia rientrata in Italia dall’India ora è grave in ospedale
Fonte: saluteh24.com
L’articolo Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.