Ne fanno parte i rappresentanti di Fnopi, Fnopo e Fno-Tsrm-Pstrp.

Il ministero dell’Università e della ricerca (Miur) e il ministero della Salute hanno firmato il Decreto congiunto (vedi allegato) che sancisce la riattivazione dell’Osservatorio nazionale delle professioni sanitarie, più volte chiesta dalle tre Federazioni delle 22 professioni sanitarie, (Fnopi per gli infermieri, Fnopo per le ostetriche e Fno-Tsrm-Pstrp per i tecnici di radiologia e delle professioni tecniche, della riabilitazione e della prevenzione), i cui rappresentanti ne faranno parte. Si conclude così l’iter avviato nel 2020 dalle tre interrogazioni parlamentari dalla senatrice Paola Binetti.

L’Osservatorio ha il compito di formulare proposte e pareri in ordine alla definizione di:a) linee di indirizzo per l’elaborazione di requisiti d’idoneità organizzativi, strutturali e tecnologici, per l’accreditamento delle strutture didattiche universitarie e ospedaliere per la formazione delle figure professionali di cui alla legge n. 251/2000;b) linee guida per la stipula dei protocolli d’intesa tra le Regioni e le Università, a norma dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992 e dell’articolo 6, comma 13, della legge n. 240/2010;c) criteri e modalità per assicurare la qualità e la formazione in conformità alle indicazioni dell’Unione Europea;d) criteri e modalità per lo svolgimento del monitoraggio de risultati della formazione delle figure professionali dell’area sanitaria.

Per il Comitato di presidenza sono stati nominati a seguito di relative designazioni giunte al Miur i seguenti membri.

In rappresentanza della Crui: Salvatore Cuzzocrea (rettore Università di Messina), con funzioni di presidente.In rappresentanza del ministero Università e della ricerca: Marcella Gargano (direttore generale) e Maura Lusignani (Università di Milano).In rappresentanza del ministero Salute: Rossana Ugenti (direttore generale) e Cristina Rinaldi (dirigente Ufficio V).In rappresentanza della Conferenza dei presidenti dei corsi di laurea dell’area sanitaria: Luisa Saiani (Università di Verona) e Angelantonio Mastrillo (Università di Bologna).In rappresentanza del Consiglio universitario nazionale: Mario Amore (Università di Genova).In rappresentanza dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca: Vittorio Fineschi (Università di Roma Sapienza).In rappresentanza della Conferenza Stato-Regioni: Luca Conti (Regione Umbria), Claudio Costa (Regione Veneto), Kyriakoula Petropulacos (Regione Emilia Romagna).

Per l’assolvimento dei propri compiti l’Osservatorio potrà riunirsi con il solo Comitato di presidenza o in forma plenaria, oppure organizzarsi in gruppi di lavoro, e potrà inoltre procedere all’audizione dei responsabili delle strutture didattiche universitarie e ospedaliere presso le quali si svolge la formazione teorica e pratica delle figure professionali dell’area sanitaria.

Redazione Nurse Times

L’articolo Riattivato l’Osservatorio nazionale delle professioni sanitarie scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.