Accade a Verona: il Tribunale ha respinto il ricorso di una operatrice sanitaria ‘no vax’ che ha rifiutato la vaccinazione anti-Covid e è stata sospesa dalla RSA in cui lavora insieme a altri due colleghi.

Gli altri due hanno preferito cambiare lavoro mentre lei si è opposta, cercando di avere ragione del Tribunale. La sentenza del Tribunale, però, ha decretato che si “ritiene prevalente il diritto alla salute dei soggetti fragili che entrano in contatto con gli esercenti le professioni sanitarie e, più in generale, il diritto alla salute della collettività” rispetto “alla libertà di chi non intenda vaccinarsi”.

Si è rivelato fondamentale il decreto legge 44. Nelle motivazioni della sentenza c’è la possibilità che “la vaccinazione non protegga altrettanto bene nei confronti della malattia asintomatica (infezione) e che, quindi, i soggetti vaccinati possano ancora acquisirla, non presentare sintomi e trasmettere l’infezione”.

“La decisione l’abbiamo presa già tra gennaio e febbraio, quando abbiamo effettuato le vaccinazioni. È dettata dal pragmatismo: i nostri ospiti sono persone estremamente fragili. E la nostra casa di riposo non ha gli spazi per prevedere un isolamento clinico a tutti gli effetti” ha detto il presidente dell’Ipab di Bussolengo Gilberto Pozzani, come evidenziato da Il Corriere della Sera.

Ventenne caccia e insulta un bambino disabile per avere lo spazio di allenarsi
Lotta tra soccorritori delle ambulanze in mezzo ai pazienti del pronto soccorso a Torino
Quale è stata la spesa sanitaria italiana per affrontare la pandemia
Convenzione OPI-EPACA per infortuni e malattie professionali, per Uil e Cgil “operazione di mercato”
Respinto il ricorso di un altro sanitario no vax, per il tribunale“Deve vaccinarsi”
L’articolo Respinto il ricorso di un altro sanitario no vax, per il tribunale“Deve vaccinarsi” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.