È quanto emerso dalla XI Conferenza sulle politiche della professione infermieristica, tenutasi a Firenze.
Patto per la salute come nodo essenziale della politica e della riorganizzazione sanitaria nelle Regioni. In questo va rivolta particolare attenzione al territorio, che è il luogo dove si manifesta la nuova epidemiologia (più anziani, non autosufficienti, malati cronici ecc.). E per l’assistenza sul territorio, proprio nel Patto, l’asso nella manica è l’infermiere di famiglia e comunità.
Sono state tutte d’accordo, le Regioni presenti all’XI Conferenza sulle politiche della professione infermieristica, tenutasi a Firenze. Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Liguria e Piemonte sono tutte sulla stessa lunghezza d’onda: se cambia la società, se c’è bisogno di prendersi cura (assistenza) della nuova epidemiologia, bisogna ragionare non solo in termini economici, ma soprattutto di organizzazione. L’obiettivo è dare ai cittadini ciò di cui hanno veramente bisogno, disegnando i nuovi modelli su quello che segue la diagnosi e la terapia: assistenza continua e continuità tra ospedale e territorio.
Come ha sottolineato Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri, il maggiore d’Italia con oltre 450 mila iscritti, bisogna spostarsi a domicilio dell’assistito. E non come singola professione, ma in un disegno che metta in moto vere equipe multiprofessionali sociosanitarie, dove tutti i professionisti devono lavorare insieme, ognuno secondo le proprie caratteristiche, ma tutti sullo stesso piano.
Kyriakoula Petropulacos, direttore generale Cura alla persona, salute e welfare dell’Emilia Romagna, Carlo Rinaldi Tommasini, direttore del Servizio diritti di cittadinanza e coesione sociale della Toscana, Marco Salmoiraghi, del Dipartimento Salute e servizi sociali della Lombardia, Francesco Quaglia, direttore del Dipartimento Salute e servizi sociali della Liguria, Danilo Bono, direttore della Direzione sanità del Piemonte, hanno ribadito ciò che nelle premesse aveva già affermato Stefania Saccardi, assessore al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria e vicepresidente della Toscana: quella dell’infermieri è la professione cresciuta di più in questi anni; per questo le Regioni hanno voluto dare una forte spinta alla professione per assegnare loro maggiori responsabilità in un sistema in cui oggi è necessaria una presa in carico multidisciplinare.
La scommessa di queste Regioni, tutte benchmark rispetto al quadro nazionale, è stata quella di istituire l’infermiere di famiglia e di comunità. Che, secondo Saccardi, “ha dato risultati straordinari, anche rispetto alla percezione dei cittadini di sentirsi davvero assistiti”.
Secondo Petropulacos, l’infermiere di comunità “è una grande sfida e rappresenta un passo necessario, nonostante i problemi e i vincoli di spesa, attenuati dal Decreto Calabria, ma che ancora esistono, per dare ai cittadini quel livello di servizio che ormai può crescere solo con la crescita delle professioni sanitarie”.
“La collaborazione tra professionisti – ha detto Tommasini – è una questione di ‘allenamento’, che in Toscana è già partito da circa nove anni. L’effetto dell’innovazione è stata una riduzione della mortalità per una serie di patologie croniche, dimostrando che la strada è quella giusta e che la soluzione è in nuove competenze e nuove aree da dedicare alla professione infermieristica, con un modello non più ospedalocentrico, ma indirizzato ai servizi territoriali secondo il Chronic Care Model (un modello che prevede per il miglioramento della condizione dei malati cronici un approccio ‘proattivo’ tra il personale sanitario  e una medicina di iniziativa, ndr)”.
“In Lombardia – ha sottolineato Salmoiraghi – la nuova legge sanitaria si muove su due cardini: la presa in carico del paziente fragile e la continuità assistenziale. Obiettivi che possono essere realizzati solo con un’organizzazione multidisciplinare e multiprofessionale, senza corporativismi”.
“Quale Regione più della Liguria – ha dichiarato Quaglia –, dove il 29% degli abitanti sono anziani, ha bisogno di utilizzare il Chronic Care model? E l’infermiere di famiglia è una delle direzioni verso cui andare per realizzare il nuovo modello”.
Un modello che il Piemonte ha già sperimentato e introdotto da tempo, ha spiegato Bono, con risultati eccellenti che descrivono da soli importanza e ruolo della multidisciplinarità e dell’infermiere di famiglia. E Bono è andato oltre, in un terreno “che qualcuno strumentalizza per creare divario tra professionisti, invece che coesione e multiprofessionalità: l’emergenza”.
Bono ha sottolineato che quello attuale, quasi uguale in tutte le Regioni presenti all’incontro, dove i risultati sono tangibili e i migliori possibili dal punto di vista degli effetti positivi sui cittadini, è un buon modello e funziona e per questo deve restare così com’è. Anche per l’ospedale, ha sottolineato ancora, il Piemonte ha sviluppato il primary nursing, che si fonda sull’attribuzione, dall’ingresso alla dimissione, di uno o più pazienti a un infermiere: una presa in carico analoga tra ospedale e territorio.
“Il massaggio è chiaro – ha detto Mangiacavalli –: i percorsi vanno disegnati insieme. Bisogna costruire processi, modelli, percorsi e progettazioni, e chi si occupa di formazione deve dare un continuum a tutti i professionisti, perché management (più o meno complesso) e clinica (anche con le specializzazioni infermieristiche) non siano disgiunti, e perché il percorso sia aderente al panorama epidemiologico e di salute in cui oggi e nei prossimi anni ci troviamo e ci troveremo”.
Redazione Nurse Times
 
L’articolo Regioni, nuovi modelli per un’assistenza a misura di cittadino: infermiere di famiglia e comunità in pole position scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.