Dove possibile, si sta provvedendo a installare impianti di condizionamento o a spostare gli appuntamenti. Altrove si procede alla chiusura.

Come chiesto dalla Regione in una circolare, le Asl pugliesi stanno climatizzando gli hub vaccinali sprovvisti i impianto di condizionamento (soprattutto quelli allestiti nei palazzetti in cemento o nelle palestre) e spostando gli appuntamenti nelle ore meno calde. Dove invece non è possibile intervenire si sta procedendo con la chiusura dei centri vaccinali.

In provincia di Brindisi, per esempio, gli hub sono stati dotati di sistemi di condizionamento dell’aria che dovrebbero garantire le condizioni per la prosecuzione della campagna vaccinale. Per evitare di esporre gli utenti, il personale e i volontari al lavoro nelle ore più calde, l’Asl ha differito tutti gli appuntamenti al pomeriggio.

L’Asl Foggia sta installando gli impianti di climatizzazione nei punti vaccinali di Vieste, Accadia, Cagnano Varano, Lucera, Manfredonia, Orta Nova, San Giovanni Rotondo, San Nicandro Garganico, Vico del Gargano. È stata invece disposta la chiusura di quattro punti vaccinali a Foggia (istituto Masi-Giannone), Monte Sant’Angelo, San Severo (scuola elementare De Palma) e palazzetto dello Sport di Troia. Nella Bat si sta procedendo con la climatizzazione degli hub a Margherita, Trinitapoli e San Ferdinando e Andria.

Redazione Nurse Times

L’articolo Puglia, troppo caldo negli hub vaccinali: si corre ai ripari scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.