La delibera della Regione nasce dall’esigenza delle strutture di fronteggiare il caro bollette.

Per risponde alla richiesta di supporto di Rsa e centri diurni la Giunta regionale della Puglia ha approvato le nuove tariffe relative alle prestazioni residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali e domiciliari, che saranno applicate dal 1° ottobre. La relativa delibera nasce dall’esigenza delle strutture di fronteggiare l’aumento dei costi energetici. Un’esigenza manifestata nei giorni scorsi dalle associazioni di categoria, che avevano anche minacciato di riconsegnare le chiavi in caso di mancate risposte dalla Regione.

Questo il commento dell’assessore regionale alla Salute, Rocco Palese: “Si tratta di un intervento organico per l’erogazione delle prestazioni per tutto il settore sociosanitario. Prevede l’aggiornamento delle tariffe regionali relative alle prestazioni residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali, domiciliari in riferimento all’assistenza sociosanitaria in favore di soggetti non autosufficienti, disabili, persone con disturbi mentali, persone affette da dipendenze patologiche, soggetti in età evolutiva, persone con disturbi dello spettro autistico, persone nella fase terminale della vita, persone cui sono applicate le misure di sicurezza. Questo provvedimento, inoltre, integra lo stanziamento storico di ulteriori 25 milioni e 300mila euro”.

Redazione Nurse Times

Diabete, ricoveri ospedalieri ridotti grazie al sensore per monitorare il glucosio
Sigaretta dopo il caffè: non solo un rito
Infermieri demansionati: Asp Catanzaro condannata a risarcirli
Puglia, approvate le nuove tariffe (al rialzo) per Rsa e centri diurni
Carenza di infermieri nel Varesotto: ne mancano 400. Università dell’Insubria aumenta i posti
L’articolo Puglia, approvate le nuove tariffe (al rialzo) per Rsa e centri diurni scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Facebook Notice for EU! You need to login to view and post FB Comments!