Il documento della Società europea di cardiologia è modulato sulla versione rivolta agli operatori sanitari.

La prima versione per i pazienti delle linee guida della Società europea di cardiologia (ESC) sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari è stata presentata al Congresso europo di cardiologa ESC 2022 di Barcellona. Il documento si basa sulla versione più lunga rivolta agli operatori sanitari e descrive come viene determinata la probabilità di avere un infarto o un ictus nei prossimi dieci anni, come modificare le abitudini di vita per ridurre il rischio e quali trattamenti potrebbero essere necessari in base al livello di rischio attuale.

Stephan Achenbach, presidente ESC, ha dichiarato: “In qualità di professionisti sanitari, vorremmo vedere i pazienti partecipare attivamente alle decisioni sulle loro cure e, di fatto, fornire loro informazioni appropriate li rende partner ancora migliori nelle discussioni. Lo sviluppo di linee guida specifiche per i pazienti è un modo per l’ESC di contribuire a una migliore educazione del paziente, aggiungendo un nuovo tipo di alfabetizzazione sanitaria che informi i pazienti e integri l’importante lavoro già svolto dalle società cardiache nazionali e dalle organizzazioni di pazienti”.

Indipendentemente dal rischio, tutti dovrebbero smettere di fumare, seguire i consigli su alimentazione, peso corporeo e attività fisica, controllare la pressione sanguigna. Gli adulti di tutte le età dovrebbero mirare ad almeno 150-300 minuti di intensità moderata o 75-150 minuti di attività fisica ad alta intensità a settimana.

Il documento consiglia di rimanere il più attivo possibile e che un po’ di esercizio è meglio di niente. Una dieta nutriente è fondamentale per la salute del cuore e il consiglio è quello di adottare una dieta mediterranea o simile, ovvero: sostituire i grassi saturi (es. fast food, carne rossa) con quelli insaturi (es. olio d’oliva, avocado); ridurre l’assunzione di sale; mangiare più cereali integrali, frutta, verdura e noci; mangiare pesce almeno una volta alla settimana; bere non più di 100 g di alcol a settimana; e ridurre l’assunzione di zucchero aggiunto.

Una versione per il paziente delle Linee guida ESC per la diagnosi e il trattamento dell’insufficienza cardiaca acuta e cronica è stata lanciata a maggio. Richard Mindham, rappresentante del paziente nel Forum dei pazienti dell’ESC, coinvolto nelle linee guida per l’insufficienza cardiaca, ha dichiarato: “Questa versione semplificata è parallela alle linee guida professionali, spiegando il percorso che un paziente dovrebbe percorrere insieme alla diagnosi, al trattamento e alla cura dello scompenso cardiaco . Di conseguenza può aiutare i pazienti a comprendere l’intero processo che stanno attraversando e fornisce informazioni sufficienti per incoraggiare i pazienti a prendere parte al processo decisionale condiviso. Con questa conoscenza i pazienti possono vedere se stanno ricevendo cure ottimali e chiedere se c’è qualcosa che non viene loro offerto. Ad esempio uno o più dei quattro farmaci noti per migliorare la prognosi dell’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta o una riabilitazione completa programma”.

La professoressa Tiny Jaarsma, coordinatore del progetto, ha spiegato come sono state sviluppate le versioni per i pazienti delle linee guida ESC: “Abbiamo riunito un team di rappresentanti dei pazienti, infermieri e medici che erano stati coinvolti nello sviluppo delle linee guida professionali. Abbiamo iniziato con una pagina bianca e un approccio flessibile: abbiamo utilizzato la nostra conoscenza dell’interazione con i pazienti e della scrittura di altri materiali per i pazienti per considerare ciò che devono sapere e come presentarlo. I presidenti delle linee guida del CES hanno dato la loro approvazione finale”.

E ha aggiunto: “Speriamo nel supporto delle società cardiache nazionali e degli operatori sanitari per tradurre le versioni inglesi nella loro lingua locale in modo coordinato. Abbiamo appositamente progettato i documenti per essere facilmente adattabili, ad esempio con una grafica semplice. Diversi paesi hanno già iniziato a tradurre le linee guida, il che è un’ottima notizia. Abbiamo creato un piano di disseminazione specifico per ciascuna serie di linee guida poiché le popolazioni target sono molto diverse. Per la prevenzione delle malattie cardiovascolari tutti noi potremmo utilizzare queste linee guida. Il nostro obiettivo finale ora è portare le linee guida per i pazienti dove possono davvero fare la differenza. Vogliamo che ogni medico e infermiere siano in grado di fornirle a ogni paziente”.

Redazione Nurse Times

Infarto: dalla Spagna la “polipillola” contro le ricadute
“Cani che abbaiano di notte causano un danno alla salute dei vicini”: la sentenza della Cassazione
Prevenzione delle malattie cardiovascolari, presentate le linee guida ESC per i pazienti
Bergamo, mancano infermieri nelle Rsa: si assume da Perù e Bolivia
Camposampiero (Padova), salto nel vuoto dall’ottavo piano dell’ospedale: morto operatore sanitario
L’articolo Prevenzione delle malattie cardiovascolari, presentate le linee guida ESC per i pazienti scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.