Francesco Fida, presidente dello Stade Valdôtain Rugby, in Valle d’Aosta, ha raccontato la sua esperienza in terapia intensiva dopo essersi ammalato di Covid-19. A quarantadue anni compiuti da poco, con un passato come rugbista, ha passato 16 giorni in ospedale, di cui 7 in rianimazione. Un’esperienza che lo ha portato a riflettere sulla propria vita.

“Era un periodo in cui facevo mille cose, tra lavoro, rugby e famiglia””, racconta Fida, “e non so come mi sono ammalato. Ero stanco da un po’, poi, dopo una notte travagliata, una mattina mi sono svegliato con 38° di febbre. Mi sono autoisolato in casa, il mattino dopo sono venuti a farmi il tampone e la sera ho avuto conferma della positività” racconta a aostasera.it (O. Bonserio).

Al Covid-19 si sono aggiunti i calcoli renali, durati tre giorni. Dopo otto giorni, poi, è stato necessario il ricovero.

“La mia grandissima fortuna è stata avere con me Silvia Roero, la mia vicina di casa che è anche rianimatrice di elisoccorso: ogni giorno veniva a visitarmi, anche per i calcoli. Una mattina, smontante notte, di concerto con l’Usca hanno deciso che era meglio portarmi in ospedale. Un’organizzazione pazzesca, sia le Usca che in ospedale: nel giro di poche ore ero in rianimazione, intubato con grande professionalità. Poi mi sono spento ed i miei ricordi partono dal giorno dopo”.

La prima persona che Francesco Fida vede appena sveglio è Aline, un’infermiera di Pollein: “Mi ha subito colpito positivamente la sua professionalità e la sua dedizione nel correre avanti e indietro per la rianimazione. Mi ha mostrato delle foto per spiegarmi cosa mi avevano messo: il catetere, i tubi nel naso per alimentarmi ed il sondino nel collo per i farmaci. Mi ha trasmesso sicurezza, mi sono sentito al sicuro“.

La giovane età ed il rugby sono stati d’aiuto e Fida ha lottato, affidandosi totalmente ai medici ed ai sanitari che lo hanno curato. “Qui in Valle d’Aosta abbiamo la fortuna di avere degli eroi: medici, infermieri, rianimatori e fisioterapisti, anche molto giovani, preparatissimi e con gli attributi” ha detto Fida.

Il passaggio al reparto Covid 3 è stata la chiusura del cerchio. Lì è nata l’amicizia con Italo, che verrà dimesso oggi: “Ci siamo aiutati tantissimo, facevamo merenda insieme. In ogni reparto c’era qualcuno della famiglia Stade, da Zaga e Frand a Elisa, oltre a Silvia che veniva a trovarmi ogni giorno. Tanti amici venivano alla finestra a salutarmi, ho sentito l’affetto e la vicinanza di cui avevo bisogno, anche solo attraverso messaggi sul telefono”.

Vaccino in gravidanza, la bambina nasce con gli anticorpi contro il Covid
Presidente dello Stade Valdôtain Rugby racconta l’esperienza in rianimazione dopo il Covid: “mi sono sentito al sicuro”
Turni massacranti e ferie negate per i sanitari dall’inizio della pandemia
Innovativa chirurgia mininvasiva per curare il glaucoma
Malattie neurodegenerative: una possibile soluzione dalla stimolazione con la luce
Foto e fonte: aostasera.it
L’articolo Presidente dello Stade Valdôtain Rugby racconta l’esperienza in rianimazione dopo il Covid: “mi sono sentito al sicuro” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.