Delli Carri: “Per fare efficienza si assuma e si programmi in modo adeguato, senza correre ai ripari con inutili artifici”

Il Nursing Up Piemonte e Valle d’Aosta, sindacato degli Infermieri
Italiani e delle professioni sanitarie, è del tutto contrario
all’eventualità che realtà sanitarie private possano attivare delle strutture
di Pronto Soccorso. Si tratta di un
progetto insensato sia per la complessità che una struttura di Pronto Soccorso
deve avere, visto l’enorme ventaglio di patologie che in questi luoghi
vengono affrontate e che una struttura privata non ha la possibilità di gestire
in modo efficace, sia per l’aggravio di
costi che tale progetto potrebbe causare.

L’idea di Pronto Soccorso gestiti
in modo privatistico è del tutto inaccettabile.

Per affrontare eventuali, ma
sempre più inevitabili a quanto pare, disavanzi nel bilancio della sanità del
Piemonte, invitiamo l’assessorato a
convocare al più presto un tavolo con le rappresentanze sindacali in modo da
programmare interventi realmente efficaci che possano risolvere o migliorare la
situazione, senza ricorrere a idee estemporanee e non sostenibili come
quella di permettere ai privati di aprire dei Pronto Soccorso.

Claudio Delli Carri, segretario regionale del Piemonte e Valle d’Aosta del Nursing Up, attacca: “In sanità si parla sempre di intasamento e sovraffollamento, e invece di creare percorsi che possano essere realmente efficaci, si va a pensare di far nascere Pronto Soccorsi privati i quali, poi, per risolvere eventuali emergenze, andrebbero a sovraccaricare ulteriormente le strutture pubbliche, trasportando i malati che non possono essere seguiti, come pacchi, da un ospedale pubblico all’altro.

Dal punto di vista organizzativo e sanitario, tale idea non ha senso. Anche dal punto di vista economico – aggiunge Delli Carri – la proposta non sta in piedi, perché i costi aumenterebbero a dismisura, anche solo per i trasporti, quando già oggi sommando le privatizzazioni attuate è come se fossero nate due Asl in più. E poi che tipo di assistenza, a lungo andare, si garantirebbe nel privato, dove il business, ovviamente, incide sulle decisioni? La sanità del soccorso non è e non può essere un business”.

“Piuttosto il problema è politico – conclude Delli Carri –. Se il timore è il disavanzo, è necessario andare a Roma spiegando l‘efficienza e l’efficacia del sistema sanitario Piemontese e domandando quindi, in sede di riparto nazionale, le cifre corrette perché esso sia sostenuto. Altre regioni ci riescono egregiamente. Perché noi no?

Per aumentare efficienza ed efficacia, poi, basta dare seguito alle assunzioni, che si possono fare vista la possibilità di aumentare i tetti di spesa descritta dal nuovo patto per la salute. Assunzioni che andrebbero a rifocillare gli organici smaltendo stanchezza, iperlavoro e sovraccarico, di coloro che oggi operano negli ospedali. Ciò creerebbe maggiore efficacia e ed efficienza.

Se la coperta è corta, la soluzione non è ricorrere ai privati, ma creare un’organizzazione per la sanità piemontese che funzioni, individuando le cifre corrette per farla funzionare e poi rispettando tali cifre. Non possono essere i pazienti e il sistema sanitario a pagare le inefficienze della burocrazia, che per riparare alla propria incapacità di reagire in modo corretto, quando si parla di programmazione sanitaria, trova soluzioni come il deleterio artificio dei Pronto Soccorso privati”.

Redazione Nurse Times
L’articolo Piemonte, Nursing Up: contrari all’inutile progetto dei Pronto Soccorso privati scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.