I titolari delle attività illecite sono anche ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio bottiglie con false denominazioni di origine.

Nell’ambito dell’operazione denominata “Ghost Wine” i carabinieri del Nas di Roma e l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi (ICQRF) di Roma, con la collaborazione di militari dell’Arma Territoriale, nell’ambito di una attività di indagine sulla produzione e commercializzazione di vini DOP/IGP sofisticati, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli (sostituto procuratore Giuseppe Mimmo), hanno dato corso a un decreto di perquisizione locale e personale a carico di cantine vinicole “fantasma”, abitazioni e pertinenze in uso alle cinque persone indagate, alla ricerca di partite di vino sofisticato e/o attrezzature e mezzi idonei alla sofisticazione, quali zuccheri esogeni, acidi e aromi, provvedendo al sequestro di uno stabilimento vinicolo non censito.

L’indagine scaturisce dai risultati di analisi chimiche su campioni di vini DOP/IGP detenuti all’interno di uno stabilimento enologico in provincia di Roma da parte del laboratorio ICQRF di Perugia, che hanno evidenziato la presenza di acqua e zuccheri non naturali dell’uva. Le investigazioni permettevano di accertare come per la truffaldina attività i soggetti indagati si avvalevano di compiacenti forniture di vino “comune” da tavola da altre cantine che cedevano tali prodotti anche “in nero”. I quantitativi di vini e prodotti rinvenuti durante le operazioni di perquisizione facevano emergere un’incongruità tra i quantitativi di vini acquistati e quelli detenuti e rivenduti, nonché un’illecita utilizzazione di denominazioni di origine DOP/IGP laziali e di altre regioni italiane.

Complessivamente sono stati sequestrati oltre 30mila litri di prodotto vinoso, circa 60 litri di vari aromi sintetici, caramello e altre sostanze utili alla successiva sofisticazione di almeno mille litri, attrezzature varie e vasi vinari utilizzati per la sofisticazione dei vini. Il tutto per un valore superiore ai 200mila euro. I titolari delle attività illecite sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli poiché ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio vini sofisticati e con false denominazioni di origine.

Redazione Nurse Times

Umbria: Costituito il coordinamento regionale delle professioni sanitarie
Nursing Up, De Palma: «Ora vogliamo i fatti. Il futuro passa attraverso la riforma della sanità territoriale. Gli infermieri possono e devono essere protagonisti
AUSL Valle D’Aosta: concorso per 80 infermieri
Coronavirus, scoperti gli “interruttori universali” che gli permettono di invadere il corpo
San Giovanni Rotondo, doppio aneurisma cerebrale rimosso in un’unica seduta con mini-sonda introdotta dall’arteria femorale
L’articolo Operazione “Ghost Wine”, Nas Roma sequestrano 30mila litri di vino sofisticato scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.