Così Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di capitolino.

“La tipologia di vaccino da inoculare non dovrebbe essere scelta dal politico, bensì dal medico, dopo le opportune visite. In questo modo si riducono i fattori di rischio e si favorisce la campagna vaccinale. Il medico poi seguirà la persona anche dopo il vaccino”. Lo ha detto Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, intervenendo ai microfoni di Radio Radio.

Magi ha poi sottolineato l’importanza del vaccino: “Ci permette così di raggiungere l’immunità di gregge e di tornare rapidamente alla normalità”. Inoltre si è soffermato sull’obbligo di vaccinazione per i medici e gli altri sanitari: “Si tratta di un requisito fondamentale per lavorare nella sanità. Del resto, se vuoi fare il fabbro, è obbligatorio fare la vaccinazione antitetanica. Oltretutto in questo modo riusciamo a tenere aperti i reparti perché i medici non si ammalano, e si protegge soprattutto chi non si può vaccinare, prestando quindi ai cittadini un servizio fondamentale”.

Redazione Nurse Times

Vaccini anti-Covid, per ora la terza dose non è necessaria: il report Simg
Alberobello, rubavano farmaci e dpi destinati ai mezzi di soccorso: nei guai due infermieri del 118
Lavori notturni: le regole sul pensionamento anticipato
Emilia Romagna, dal Tar nessuno stop alle sospensioni dei sanitari non vaccinati contro il Covid
Omceo Roma: “Tipologia di vaccino anti-Covid è scelta medica, non politica”
L’articolo Omceo Roma: “Tipologia di vaccino anti-Covid è scelta medica, non politica” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.