Disposto lo stop per il medico di famiglia di Borgaro Torinese. Almeno finché la sua posizione non sarà chiarita dalle indagini.

Ha ottenuto l’attestato di medico vaccinatore nonostante sia indagato per aver rilasciato falsi certificati di esenzione dal vaccino anti-Covid. Si torna a parlare di Giuseppe Delicati (foto), medico di famiglia di Borgaro Torinese, per il quale la Regione Piemonte ha disposto lo stop alle forniture di vaccino, almeno finché la sua posizione non sarà chiarita dalle indagini.

A scopo precauzionale la Regione ha infatti segnalato all’Asl “l’inopportunità che gli siano consegnate le dosi sino a quando non sarà accertata la sua posizione nell’ambito delle indagini in corso e anche in attesa che il Consiglio dell’Ordine professionale di appartenenza definisca le eventuali responsabilità disciplinari contestategli”.

Non solo certificati falsi, però. Il 61enne medico no vax aveva pubblicato anche un video sui social in cui negava l’esistenza del coronavirus. Contro Delicati è attualmente in corso un procedimento disciplinare all’Ordine dei medici di Macerata, al quale è iscritto. Quale che sia il provvedimento, Delicati farà ricorso, allungandone i tempi di esecutività. 

Redazione Nurse Times

Cremona, paziente musicista suona «Jingle Bells» mentre gli asportano un tumore cerebrale
Tumori ormonosensibili, studio analizza relazione con contaminanti ambientali
Il dott. Ragone presenta la tesi su “L’infermiere di Famiglia e Comunità, prospettive e potenzialità”
Rinnovo contratto: clamorosa protesta degli infermieri del Nursing Up durante la riunione
Coronavirus, Oms dice no a plasma dei guariti: “Cura non giustificata”
L’articolo No vax e vaccinatore: Regione Piemonte sospende fornitura di dosi al dottor Delicati scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.