Una proposta di legge che riporta come prima firma quella di Matteo Salvini potrebbe rivoluzionare il campo delle responsabilità dei datori di lavoro nei confronti dei professionisti della salute che regolarmente sono costretti a lavorare senza DPI o con dispositivi inadeguati o improvvisati.
Si tratta della proposta di modifica n. 1.1 al DDL n. 1766 che riportiamo di seguito:
Apportare le seguenti modifiche:
            a) Dopo il comma 1, dell’articolo 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n.18 è inserito il seguente:
        «1-bis. Le regioni e le province autonome possono incrementare le risorse per le finalità di cui al comma 1 fino al doppio dell’ammontare indicato nella tabella A»;
            b) Dopo l’articolo 1 è inserito il seguente:
1. Le condotte dei datori di lavoro di operatori sanitari e sociosanitari operanti nell’ambito o a causa dell’emergenza COVID-19, nonché le condotte dei soggetti preposti alla gestione della crisi sanitaria derivante dal contagio non determinano, in caso di danni agli stessi operatori o a terzi, responsabilità personale di ordine penale, civile, contabile e da rivalsa, se giustificate dalla necessità di garantire, sia pure con mezzi e modalità non sempre conformi agli standard di sicurezza, la continuità dell’assistenza sanitaria indifferibile sia in regime ospedaliero che territoriale e domiciliare.
2. Dei danni accertati in relazione alle condotte di cui al comma 1, compresi quelli derivanti dall’insufficienza o inadeguatezza dei dispositivi di protezione individuale, risponde civilmente il solo ente di appartenenza del soggetto operante ferme restando, in caso di dolo, le responsabilità individuali.».
Simone Gussoni
L’articolo Nessuna responsabilità per il datore di lavoro se i sanitari lavorano senza DPI: al Senato la proposta Salvini scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.