L’Associazione di Avvocatura di Diritto Infermieristico fa ricorso alla AUSL Toscana Sud Est, Presidio ospedaliero Colline Albegna, precisamente al competente per territorio.

Il dott. Mauro Di Fresco ha contestato anche il piano di lavoro demansionante.

Ecco il verdetto del medico competente:

“Sulla base della visita (VISITA STRAORDINARIA, per patologia X) effettuata in data X· – a, sensi dell’art. 41 D.Lgs 81/2008 e succ. mod. 111 data 24/05/2021 si emette il seguente giudizio: Idoneo/a alla mansione specifica limitazioni indicate nel piano di lavoro personalizzato che allego.

In relazione a quanto richiestomi, tenendo conto delle limitazioni indicate dal Medico Competente, il piano di lavoro dell’infermiera X è il seguente:

identificazione dei bisogni di assistenza infermieristica della persona e formulazione dei relativi obbiettiviassistenza di base, consistente nel soddisfare il bisogno di eliminazione, igiene ecc, in collaborazione con altro collega o personale di supporto -rilevazione dei parametri vitalipreparazione e somministrazione della terapia farmacologica prescrittaverifica della giacenza di farmaci e presidi e segnalazione della necessità di eventuale approvvigionamentocontrollo scadenze farmaci e presidipianificazione, controllo e verifica dell’operato degli operatori di supporto.Le attività che prevedono movimentazione di carichi dovranno essere eseguite sempre con l’ausilio degli appositi presidi e sempre con la collaborazione di un collega o personale di supporto.

E’ da precisare che nel setting Terapia Intensiva sono disponibili i presidi necessari alla movimentazione del paziente, quali sollevatore e telini ad alto scorrimento oltre a disporre di letti elettrici che consentono di far assumere agevolmente varie posizioni al paziente e regolabili in altezza.

Firmato dall’Infermiere coordinatore, Azienda USL Toscana sud est”.

Redazione Nurse Times

Allegato

Verbale-del-medico-legale-demansionanteDownload

Nella AUSL Toscana Sud Est il medico competente prescrive all’infermiera di fare l’OSS. L’Aadi fa ricorso
Nasce “Essere 1 infermiere”, per la rivoluzione culturale della professione
In Italia i primi due trapianti al mondo da donatori positivo al Covid a riceventi negativi
De Lillo (Omceo Roma): medici base pagati 6,16 euro a dose e ricevono 1 fiala a settimana
Cancellato il nulla osta per la mobilità nella nella bozza Dl della riforma della Pa
L’articolo Nella AUSL Toscana Sud Est il medico competente prescrive all’infermiera di fare l’OSS. L’Aadi fa ricorso scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.